18 ottobre 1917: nasce Albinio Bernardini

Redazione

Il 18 ottobre 1917 nasce a Siniscola, in provincia di Nuoro, Albinio Bernardini, maestro elementare e figura chiave della pedagogia italiana.

Nel 1942 Bernardini riceve il suo primo incarico e inizia a insegnare in vari paesi della Sardegna. Nel 1949 è a a Lula, un piccolo centro della Barbagia, nell’entroterra sardo. Qui vive un intenso momento di presa si coscienza dei suoi compiti di educatore: l’arretratezza sociale è tale da spingere il maestro a un impegno continuo per portare l’azione didattica e pedagogica fuori dall’ambito scolastico. A questo periodo è ispirato il libro Le bacchette di Lula, che sarà pubblicato nel 1969.

A partire dagli anni ‘50 entra a far parte del Movimento di Cooperazione Educativa, costituito da insegnanti, pedagogisti, operatori della formazione che si ispirano e condividono la metodologia della Pedagogia Popolare di Celestin Freinet. Al MCE Bernardini conosce tra gli altri il poeta-scrittore per bambini Gianni Rodari.

Nel 1960 il maestro si trasferisce a Roma inizia a insegnare in una scuola elementare della borgata di Pietralata. Qui gli viene affidata una classe di bambini provenienti da famiglie  appartenenti al sottoproletariato urbano. L’esperienza diventa un’importante avventura intelletuale e culturale e sarà alla base del romanzo-diario Un anno a Pietralata (1968). In questa opera l’autore dà una testimonianza della sua concezione dell’insegnamento e della funzione sociale della scuola.

Dal romanzo-diario è stato tratto uno sceneggiato televisivo dal titolo Diario di un maestro, diretto da Vittorio De Seta e trasmesso sulla Rai nel 1973.

Clicca qui per vedere lo sceneggiato su RaiPlay

Tra le altre opere di Bernardini vi sono La scuola nemica (1973), La supplente (1975), Diventare maestri (1975), Bobbi va a scuola (1981), che raccoglie dieci racconti per bambini scritti per il Dipartimento Scuola Educazione della RAI, e Disavventure di un povero soldato (1988), dedicato «Ai ragazzi di tutto il mondo perché capiscano meglio quanto è brutta e terribile la guerra».

Muore a Bagni di Tivoli il 31 marzo 2015.

In occasione del centenario dalla nascita di Bernardini, La Lettura del Corriere della Sera gli ha dedicato il fumetto Un maestro di borgata, realizzato da Giuseppe Pollicelli e Ilaria Vescovo.

Clicca qui per vedere sul Corriere.it il documentario Pietralata di Giuseppe Policelli, un viaggio poetico nella storia e nei paesaggi nell’omonima borgata romana.

 

Crediti immagini
Apertura
: Diario di un maestro
Box: Diario di un maestro (Wikimedia Commons)

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *