Le Olimpiadi di Italiano 2018

Redazione

Si è svolta a Firenze dal 26 al 28 marzo la fase finale dell’edizione 2017/2018 delle Olimpiadi di Italiano, la competizione nazionale e internazionale promossa dal MIUR e rivolta ai ragazzi e alle ragazze che frequentano gli istituti secondari di secondo grado. Obiettivo della gara è quello di incentivare lo studio della lingua italiana e sollecitare in tutti gli studenti l’interesse e la motivazione a migliorarne la padronanza.

Clicca qui per consultare il sito delle Olimpiadi di Italiano

Alla competizione hanno partecipato quest’anno 60.300 iscritti (37.338 ragazze e 22.962 ragazzi), provenienti da 1154 scuole di tutta Italia. Gli 84 finalisti si sono incontrati al Palagio di Parte Guelfa, a Firenze, per la fase conclusiva che si è svolta nell’ambito delle Giornate della lingua italiana, organizzate ogni anno dal Ministero dell’Istruzione per celebrare gli anniversari della lingua e della letteratura italiana e per approfondire temi di attualità a esse correlati.

Clicca qui per consultare la lista dei vincitori 2018

Gli argomenti delle prove delle Olimpiadi riguardano i diversi livelli di padronanza della lingua (ortografia, morfologia, sintassi, punteggiatura, lessico, testualità), con riferimento agli obiettivi e ai contenuti disciplinari per l’Italiano riportati nelle Indicazioni nazionali, per i licei, e nelle Linee guida, per gli istituti tecnici e professionali. Le gare di istituto e le semifinali prevedono domande a risposta chiusa, mentre quelle finali includono anche domande a risposta aperta e parti di produzione testuale.

Le gare sono individuali e sono rivolte a tutti gli studenti e le studentesse degli istituti di secondo grado, divisi in quattro categorie: Junior (biennio), Senior (triennio), Junior Estero e Senior Estero (per ragazzi e ragazze che frequentano scuole o sezioni italiane all’estero oppure sezioni straniere in Italia).

 

(Crediti immagini: facebook.com/Olimpiadi.di.Italiano, facebook.com/Olimpiadi.di.Italiano)

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *