4 aprile 1928: nasce Maya Angelou

Redazione

Google ricorda con un doodle animato il 90esimo anniversario della nascita di Maya Angelou, scrittrice, poetessa e attivista impegnata nella difesa dei diritti degli afroamericani.

Marguerite Ann Johnson nacque il 4 aprile 1928 a Saint Louis, in Missouri. La bambina che avrebbe poi asssunto il nome di Maya Angelou, trascorse un’infanzia difficile, segnata dallo stupro subito da parte del compagno di sua madre. L’uomo, condannato, uscì in prigione dopo un solo giorno e venne picchiato a morte, forse da un parente di Angelou. In seguito a questa esperienza, Marguerite divenne muta per quasi cinque anni: “Pensai che la mia voce lo avesse ucciso; l’ho ucciso perché ho fatto il suo nome. Allora pensai che non avrei più parlato, perché la mia voce avrebbe potuto uccidere chiunque”, ha dichiarato Angelou. Secondo quanto riportano le autrici di una sua biografia, fu durante quegli anni di silenzio che la scrittrice sviluppò la sua straordinaria memoria, la passione per la letteratura e la capacità di osservare il mondo.

Divenuta madre all’età di 17 anni, Angelou svolse lavori di ogni tipo: conduttrice di tram, cuoca, spogliarellista, poi ballerina di musica calipso e cantante. Dopo aver girato l’Europa come membro del cast dell’opera Porgy and Bess di George Gershwin, all’inizio degli anni ’60 si trasferì in Africa. Visse per un breve periodo in Egitto, dove lavorò come giornalista, e poi in Ghana, dove lavorò all’università e iniziò a frequentare gli attivisti della comunità afroamericana. Nel 1965 tornò negli Stati Uniti per assistere Malcom X nella nascita di una nuova organizzazione per la difesa dei diritti civili (Malcom X sarà assassinato poco dopo). Nel 1968, nel giorno del 40esimo compleanno di Maya Angelou, viene ucciso anche Martin Luther King, un’altra delle figure vicine alla scrittrice.

Nello stesso anno inizia la sua carriera letteraria: nel 1968 Angelou scrive la sua prima autobiografia I Know Why the Caged Bird Sings (in italiano Io so perché canta l’uccello in gabbia, inizialmente pubblicato con il titolo Il canto del silenzio), nella quale racconta gli anni difficili della sua infanzia. Pubblicata nel 1969, l’opera riscosse subito enorme successo e risonanza internazionale. A questa seguiranno altre sei autobiografie, che rappresentano nel complesso le opere più conosciute della sua produzione, sebbene Angelou sia oggi apprezzata anche come poetessa. Nel 1993 ha declamato la sua poesia On the Pulse of Morning alla cerimonia di insediamento alla presidenza di Bill Clinton.

Maya Angelou ha vinto decine di premi e ha ricevuto più di 50 lauree honoris causa. Le sue opere oggi vengono usate nelle scuole di tutto il mondo per riflettere sui temi come razzismo, identità, famiglia e viaggio. La scrittrice è morta il 28 maggio 2014, all’età di 86 anni.

(Crediti immagini: Wikimedia Commons, Wikimedia Commons)

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *