«Non giocare in istrada». Alcune tra le tante vite del metaplasmo

Andrea Tarabbia

[…]

Vagar mi fai coi miei pensieri su l’orme
che vanno al nulla eterno, e intanto fugge,
questo reo tempo, e van con lui le torme

delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

Ugo Foscolo, Alla sera, 1803

Avrete sentito di qualcuno che ha depositato molti soldi in Isvizzera; oppure avrete letto un libro di colui che veniva definito il gran lombardo, ovvero Carlo Emilio Gadda; oppure, ancora, vi è toccato mettere per iscritto le vostre generalità per iscrivervi a un corso. Siete insomma venuti a contatto con degli errori di morfologia, dei cambiamenti di forma delle parole che sono ormai perfettamente accettati per via dell’uso, della consuetudine con cui entrano nella lingua scritta e parlata. Si chiamano metaplasmi, e ce n’è per tutti i gusti.

 

Aggiunte e sottrazioni

Isvizzera, iscritto e così via sono protesi e si usano più nel parlato che nello scritto: si aggiunge la i- prostetica a una parola che inizia con s- più consonante. Gli si mette insomma qualcosa in più, per motivi di resa sonora (in Svizzera, parlando, suona meno fluido di in Isvizzera). Qualcuno, magari per fare dell’ironia o per colorire con le parole dei regionalismi, dice di aver visto un filme, e fa un’epitesi (o paragoge), ossia aggiunge una lettera a una parola che finisce per consonante. Si fa un’epentesi, invece, quando si inserisce una lettera dentro una parola che in origine non la vuole: Dante per esempio scrive, nell’Inferno, che «Ciascun rivederà la trista tomba».

Ma ci sono metaplasmi anche per sottrazione: nell’aferesi si toglie una vocale o una sillaba all’inizio di una parola: così, scuro viene da oscuro, e l’italiano strumento viene da instrumento. Nella sincope si leva un suono dal centro della parola (comprare per comperare). Nessuno di noi, o quasi, direbbe mai che ha voglia di un poco di caffè: tutti ne vogliamo un po’, e quell’apostrofo sta lì a indicare che, alla parola, manca il finale: è l’apocope, che si usa anche quando si dice signor, o va’ per vai, o di’ per dici.

O quando ci si sente nel fior fiore degli anni.

Crediti immagine:

Apertura: “Books” di shutterhacks (su flickr)

Box: ritratto di Ugo Foscolo di François-Xavier Fabre, da Wikipedia

 

 

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *