Migrazioni, immigrato, migrante

Francesca Dragotto

In questo nuovo episodio di “Sentieri di parole” conosciamo meglio l’etimologia della parola “migrazione” e del perché nel dibattito pubblico degli ultimi anni la parola “migrante” si è imposta a scapito della dicotomia fra “immigrato” ed “emigrante”. Infine, dopo queste considerazioni lessicali e semantiche vediamo come migrazioni e integrazioni sono costitutive delle strutture profonde delle lingue umane. Esse infatti sono in continua migrazione, sono magmatiche, pronte ad adattarsi a nuovi usi espressivi, a nuove contaminazioni e al contributo lessicale di altre culture e altri popoli.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. maria

    ottimo lavoro,grazie!

    Rispondi