Voto, religione, politica

Francesca Dragotto

In principio espressione di una promessa formulata per poter ricevere aiuto nella soluzione di un problema, “voto” nel corso della storia linguistica italiana si carica di una accezione legata all’espressione di preferenza per qualcosa o qualcuno. Tanto che nell’italiano di uso di oggi, pur mantenendosi in uso anche in riferimento alla sfera della religione e della religiosità, ricorre con frequenza maggiore per riferirsi all’ambito politico ed elettorale. Andiamo a vedere più da vicino la storia del termine “voto” e i punti di contatto fra le due aree di significato a cui “voto” si riferisce.

(Crediti immagine: Niccolò Caranti, flickr)

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *