Divine e avanguardie – Le donne nell’arte russa

Redazione

Dal 9 febbraio il Palazzo Reale di Milano aprirà di nuovo al pubblico. Dal martedì al venerdì sarà possibile visitare la mostra “Divine e avanguardie – Le donne nell’arte russa”, in programma dal 28 ottobre.

La mostra sottolinea il fondamentale ruolo delle donne in questo Paese, del loro contributo alla Storia dell’Arte, del loro ruolo nella società per l’emancipazione e per il riconoscimento dei diritti.  Il percorso comprende circa 90 opere e si divide in  8 differenti sezioni e 2 grandi capitoli: da un lato la donna e il suo ruolo nella società con sante e madonne, imperatrici, contadine e operaie, intellettuali e madri ritratte dai grandi maestri, dall’altro le donne artiste, “le amazzoni dell’avanguardia russa”. Protagoniste di una atmosfera culturale, storica e sociale straordinaria, le artiste attive nei primi trent’anni del Novecento come Natalia Goncharova, Ljubov Popova, Aleksandra Ekster, crearono opere originali e innovative. Sono rappresentate anche le artiste del realismo socialista come la scultrice Vera Mukhina con il suo modello in bronzo del complesso scultoreo “L’operaio e la kolchoziana” per il padiglione URSS all’Expo di Parigi del 1937.

Per consultare il sito della mostra clicca qui

 

Oltre alle visite in presenza, il museo propone una serie di iniziative online per conoscere la mostra  attraverso “passeggiate” virtuali in diretta, lezioni interattive e laboratori per bambini. Le lezioni interattive sono gratuite e la partecipazione a tutti gli eventi dà diritto a uno sconto sul biglietto della mostra.

Durante le visite guidate da casa gli spettatori sono accompagnati da Stefano Zuffi, membro del comitato scientifico dell’esposizione, per scoprire il fondamentale ruolo delle donne in questo Paese. La prima visita guidata su Zoom si è svolta il 5 febbraio, le altre sono previste il 16 e il 20 febbraio alle ore 18.

Il programma di attività per bambini e famiglie, dal titolo “Amazzoni di ieri e di oggi” prevede tre appuntamenti dedicati ai vestiti nuovi delle imperatrici, ad Anna Achmatova e a Natalia Goncharova.

Il museo propone inoltre un ciclo di incontri e lezioni in diretta dedicati ad approfondire alcune delle tematiche presenti in mostra. Dal contesto storico a quello artistico in cui si muovono le Amazzoni delle Avanguardie fino ad analizzare alcuni grandi maestri che hanno ritratto le donne e il loro destino: di potere, di amore, di guerra, di cultura. Il prossimo incontro, previsto per il 12 febbraio, vede come protagonista Margherita Belgiojoso, che presenterà il suo libro “Là dove s’inventano i sogni. Donne di Russia” in cui si tratteggia la storia della Russia attraverso la vita di poetesse, scrittrici, ballerine, rivoluzionarie e artiste.

Per consultare il programma degli eventi online clicca qui

 

Crediti immagini
Apertura:  Kuzma Petrov-Vodkin, Ritratto di Anna Akhmatova, 1922, ©State Russian Museum, St. Petersburg (palazzorealemilano.it)
Box: Dmitrij Levitskij, Ritratto di Caterina II, 1782, ©State Russian Museum, St. Petersburg (palazzorealemilano.it)

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *