Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Il Nobel per la letteratura 2020 a Louise Glück

La poetessa è stata premiata per “la sua inconfondibile voce poetica che con austera bellezza rende universale l’esistenza individuale”
L’Accademia di Svezia ha assegnato il Premio Nobel per la letteratura 2020 alla poetessa americana Louise Glück per “la sua inconfondibile voce poetica che con austera bellezza rende universale l’esistenza individuale”.
Clicca qui per vedere l’annuncio
  Nata a New York nel 1943, Glück è professoressa di inglese all'Università di Yale e ha già ricevuto prestigiosi premi letterari, tra i quali il Premio Pulitzer (1993) e il National Book Award (2014). Sin dalla della sua prima raccolta Firstborn (1968), è stata acclamata come una dei più importanti esponenti della poesia americana contemporanea. Ha pubblicato in tutto dodici raccolte, dedicate ai temi dell’infanzia, della vita familiare, dei rapporti con i genitori e dei rapporti tra fratelli e sorelle. Nelle sue opere sono spesso presenti anche riferimenti ai miti classici, come le voci di Didone, Persefone ed Euridice. Averno (2006) è una interpretazione del mito che racconta la discesa di Persefone negli Inferi nella prigionia di Ade. Il titolo viene dal nome del lago craterico, situato nei Campi Flegrei, che i Greci e i Romani consideravano l'ingresso dell’oltretomba. In Ararat (1990), una delle prime raccolte che hanno fatto conoscere la poetessa al pubblico americano e mondiale, si osservano alcune delle caratteristiche che in seguito caratterizzeranno la sua scrittura: il tema della vita familiare, un’intelligenza austera e un raffinato senso della composizione. Glück parla anche di cambiamento e di rinascita, come in una delle sue raccolte più apprezzate, The Wild Iris (L’iris selvatico) (1992), per la quale ha ricevuto il Premio Pulitzer. Nella poesia Snowdrops, la poetessa descrive così il ritorno della vita dopo l’inverno
I did not expect to survive, earth suppressing me. I didn’t expect to waken again, to feel in damp earth my body able to respond again, remembering after so long how to open again in the cold light of earliest spring – afraid, yes, but among you again crying yes risk joy in the raw wind of the new world.
  La sua ultima raccolta è Faithful and Virtuous Night (2014), nella quale il motivo della morte è trattato “con grazia e leggerezza”.
Per approfondire sul sito del Premio Nobel clicca qui
  Crediti immagini Apertura: Ill. Niklas Elmehed. © Nobel Media. (nobelprize.org) Box: Louis Glück nel 1977 (Wikimedia Commons)    
gluck-3_2-992x656
557px-Louise_Glück_circa_1977

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento