Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Quando la fortuna non è più un caso

Nel nuovo sentiero di parole Francesca Dragotto ci racconta storie di voces mediae e di altri accadimenti linguistici legati alla fortuna: dalla sua etimologia ai suoi parenti, anche quelli più inaspettati (come "infortunio", "infortunato", "fortuìto").

leggi

"Fortuna" è un caso emblematico di parola che ha mantenuto la medesima forma nel corso della storia linguistica pur venendo stravolta nel significato. In questo caso lo stravolgimento non è stato uno slittamento o un andare dietro ai cambiamenti introdotti nella società, bensì una polarizzazione, che ha fatto perdere al sostantivo la caratteristica di vox media. Dopo aver preso in considerazioni altre imparentate con la natura tipica delle voces mediae (evento, speranza, mostro, etc), passo a considerare una parentela di fortuna poco visibile: quella con infortunio e infortunato. In chiusura un aggancio, grazie allo spunto offerto da fortuìto, altro parente, alla lingua che cambia, oggetto di recente attacco social ("scendi il cane"), frutto della trascuratezza con cui si leggono i testi (non si legge fino in fondo).

 

sdp_box_feb19
sdp_banner-feb19

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento