Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

19 aprile 1998: muore Octavio Paz

Moriva venti anni fa il poeta messicano Premio Nobel per la letteratura
leggi
Octavio Paz, Premio Nobel per la letteratura nel 1990, è considerato il poeta di lingua spagnola più importante della seconda metà del Novecento e uno tra i più importanti intellettuali dell’America Latina. Nato a Città del Messico il 31 marzo 1914, visse a lungo in Spagna, dove partecipò alla Guerra Civile Spagnola, negli Stati Uniti, in Francia, in Giappone e in India. Nel corso dei suoi soggiorni all’estero, ricoprì spesso incarichi diplomatici (fu ambasciatore in India dal 1962 al 1968) e venne in contatto con le culture e le tradizioni locali, come il surrealismo francese e l’haikai giapponese, che influenzarono la sua produzione letteraria. Il suo esordio nella poesia risale al 1933 con la pubblicazione della raccolta Luna Silvestre. Tra le principali opere in versi tradotte in italiano vi sono Libertà sulla parola (1958), Vento cardinale e altre poesie (1984) e Il fuoco di ogni giorno (1992). La sua produzione poetica è caratterizzata dalla fede nella creazione come mezzo per restituire senso all’esistenza. Paz fu anche un importante autore di saggi e riflessioni sulla sulla letteratura, sul Messico (Il labirinto della solitudine, 1950, tra le sue opere più celebri), sulla filosofia e sull’arte contemporanea (Apparenza nuda. L'opera di Marcel Duchamp, 1968).
Nel 2014, in occasione del centenario della nascita dell’autore, la casa editrice Sur ha pubblicato una sua autobiografia inedita dal titolo “Anch'io sono scrittura. L'autobiografia” Mi chiedo da sempre: perché diamine scrivo quando sarebbe molto più comodo fare altre cose? La letteratura non è una professione piacevole: è un’attività noiosa e sedentaria e, come se non bastasse, comporta sofferenze e sacrifici. Lavoro un po’ tutti i giorni e in più leggo. Leggere è una delle cose che mi piacciono di più. Leggere e conversare. Quel che mi piace di meno è scrivere. In generale non ho un’idea chiara di quello che farò. Spesso avverto un vuoto, sono senza idee, ma d’improvviso compare la prima frase.
Clicca qui per leggere un approfondimento sulla vita e sull’opera di Octavio Paz sul sito Treccani.it Clicca qui per leggere un articolo dedicato a Octavio Paz pubblicato sulla rivista minima&moralia
(Crediti immagini: Wikimedia Commons, Wikimedia Commons)
435px-Octavio_Paz_-_1988_Malmö
Octavio_Paz_Controversial_Collage

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento