Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

La finta rima: la consonanza

Sembra una rima, ma non lo è: si tratta della consonanza, una figura retorica che contribuisce a creare musicalità e ritmo in un componimento poetico. La vediamo utilizzata da Eugenio Montale nella poesia "Meriggiare pallido e assorto"
[…] E andando nel sole che abbaglia sentire con triste meraviglia com’è tutta la vita e il suo travaglio in questo seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia. Eugenio Montale, Meriggiare pallido e assorto, 1916 Abbaglia/meraviglia/travaglio/muraglia/bottiglia, cinque parole che concludono cinque magnifici versi, e creano tra essi un legame che non è soltanto di senso, di vicinanza, ma anche di suono: c’è una musicalità nell’andamento di questi versi, un’armonia di suoni che, come se le cinque parole finali fossero altrettanti accenti, li lega assieme, li mette in sincrono. È come se questi versi rimassero tra loro. Solo che non rimano. È il travaglio che disturba, a ben guardare: perché, in realtà, abbaglia e muraglia effettivamente rimano, così come meraviglia e bottiglia. Travaglio, si mette lì, nel mezzo, a rovinare una perfetta concatenazione di rime ABAB, a spaccarne l’andamento (e non sarà certo un caso che la parola che fa tutto questo sia proprio travaglio): mette una distanza tra queste perfette concordanze di suoni e impedisce di percepirle come rime. Montale ha costruito una splendida poesia che si chiude con una serie di consonanze: -aglia, -iglia, -aglio, -aglia, -iglia diventano rime imperfette, suoni che hanno in comune le consonanti ma non le vocali, e dunque sono rime mancate, tentativi abbozzati che però, alla lettura, restituiscono la stessa meraviglia di un gruppo di rime perfette. Crediti immagini: Apertura: “Books” di shutterhacks (su flickr) Box: Eugenio Montale (via Wikipedia)
Eugenio Montale

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento