Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

L’anacoluto e l’ingiustizia

L'anacoluto, lo dovete conoscere bene per poterlo usare. È tipico del linguaggio parlato: se scritto, un anacoluto può rendere davvero involuta una frase (come quella precedente). Usato nel modo giusto, invece, aiuta a creare enfasi

[…]

Ma da quel nido, rondini tardive, tutti tutti migrammo un giorno nero; io, la mia patria or è dove si vive;

[…]

Giovanni Pascoli, Romagna

Di errori, quando si parla, se ne fanno parecchi anche senza volerlo. E però se ne fanno anche quando si scrive: per esempio, a volte si vuole imitare il parlato, e nell’imitarlo si fanno frasi storte, a cui sfugge la sintassi; oppure, alla frase, le si vuole dar ritmo, la si vuole giovane e fresca, e si finisce per scriverla irregolare, per lasciarla apparentemente monca: uno comincia una frase e subito la cambia, lasciando lì da sola la parola con cui l’aveva cominciata. Lo faceva anche Manzoni, che nei suoi Promessi sposi scriveva cose come “quelli che muoiono, bisogna pregare Iddio per loro”; e lo faceva Pavese, che in La luna e i falò diceva “La luna bisogna crederci per forza”. Ma allora la grammatica non vale? Certo che vale. Solo che a volte gli scrittori decidono di inciamparci, e fanno di proposito un errore grave, per alcuni gravissimo: l’anacoluto. Un anacoluto c’è quando nella frase salta un nesso e la sintassi si scompiglia, si rompe. Si mette subito il soggetto logico – quello che l’urgenza comunicativa impone di nominare subito, per dargli enfasi -, ma poi lo si abbandona: “La prof, la dovevi vedere come c’è rimasta male” (la prof qui è prima soggetto e poi diventa subito complemento oggetto), “Io, quando ero piccolo, mi si slacciavano le scarpe continuamente” (è una frase, questa, di Paolo Nori, uno scrittore che ha fondato la sua poetica sull’anacoluto) e così via. Insomma l’anacoluto è un errore, ma lo facciamo continuamente quando parliamo e nessuno se ne accorge; è un errore, ma lo usano gli scrittori perché ha una grande forza espressiva. Eppure se qualcuno lo usa in un tema in classe il prof glielo corregge. Hai voglia a spiegare: “Ho usato una figura retorica, lo faceva anche il Manzoni” – il voto ormai è abbassato. Il problema è questo: che in tutte le altre frasi dei Promessi sposi Manzoni ha dimostrato che l’italiano lo sapeva usare, e qui ha soltanto giocato con le parole. A tutti noi, che stiamo in classe, ci tocca subire l’ingiustizia e farci una ragione del segno rosso. Crediti immagini: Apertura: “Books” di shutterhacks (flickr) Link Box: Francesco Hayez, Ritratto di Alessandro Manzoni  (Wikipedia) Link

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento