Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Uno scrittore, un libro | Giorgio Fontana

Ogni mese uno scrittore italiano contemporaneo ci racconta il “suo” libro di riferimento, scegliendolo tra quelli che lo hanno formato ed educato alla lettura e alla scrittura. Giorgio Fontana parla de "Il Ponte della Ghisolfa" di Giovanni Testori
Giorgio Fontana parla de Il ponte della Ghisolfa di Giovanni Testori
Giorgio Fontana (Saronno, 1981) vive a Milano. Il suo libro d’esordio, Buoni propositi per l’anno nuovo, è uscito per Mondadori nel 2007. Ha poi pubblicato i romanzi Novalis (Marsilio 2008) e Per legge superiore (Sellerio 2011). Nel 2008 è uscito, per l’editore Terre di mezzo, un reportage narrativo sulla Milano degli immigrati, Babele 56. Con l’ultimo romanzo, Morte di un uomo felice (Sellerio 2014) ha vinto il premio Campiello. Giovanni Testori (Novate milanese 1923 – Milano 1993) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano. La sua fama è legata alle raccolte di racconti Il ponte della Ghisolfa (1958) – che contiene il racconto lungo con cui esordì nel ’54: Il dio di Roserio - e La Gilda del Mac Mahon (1959), nonché al romanzo Il fabbricone (1961). Scrittore dalla lingua sperimentale, ha fatto dell’hinterland milanese il suo ambiente narrativo. Dai racconti della Ghisolfa, Luchino Visconti ha tratto il soggetto del suo capolavoro: Rocco e i suoi fratelli (1960).  
Schermata 2014-11-11 alle 17.07.31
book_flickr-800x265

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento