Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

100 anni di lampade al neon

Il 19 gennaio del 1915, George Claude deposita il brevetto per la lampada la neon presso lo United States Patent Office, che viene registrato con il numero 1.125.476. Il brevetto diviene la base del monopolio che un'azienda creata ad hoc, la Claude Neon Lights, mantiene per alcuni decenni sul mercato americano, in particolare per l'impiego nella pubblicità.
La prima pagina del brevetto di Claude del 1915 (Immagine: About Money)
Uno dei simboli della New York rampante degli anni Trenta e Quaranta, le insegne al neon nascono dalla scoperta che se il neon, che è un gas, viene eccitato dalla corrente elettrica, diventa luminescente. Nel 1902 George Claude aveva fondato in Francia un'azienda che vendeva diversi tipi di gas per scopi industriali. Tra gli effetti secondari di quest'attività c'era una grande quantità di neon da smaltire. E studiando come farlo al meglio, Claude si imbatte nelle scoperte scientifiche che tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento riguardano la possibilità di produrre tubi luminosi di vario genere. L'intuizione geniale, però, è - oltre al brevetto - l'applicazione al campo pubblicitario.
George Claude con gli apparati del suo laboratorio a Parigi nel 1926 (Immagine: Wikimedia Commons)
Immagine in homepage: Pixgood
5083255608967168
1000x1000
Georges_Claude_à_l'Institut_1926

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento