Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

70 anni fa scompariva il volo UC-64 e con lui Glenn Miller, il Re dello Swing

il 15 dicembre 1944, a soli quarant'anni, Glenn Alton Miller, originario dell'Iowa, scompare assieme all'aereo che avrebbe dovuto portarlo da Bedford, in Gran Bretagna, a Parigi. Glenn Miller stava viaggiando in Europa per suonare per le truppe americane al fronte durante la Seconda Guerra mondiale. Il volo scompare sopra il canale della Manica e secondo una recente investigazione giornalistica del Chicago Tribune la colpa è da cercarsi in un problema meccanico al velivolo.
Immagine: Yale University
Trombonista dotato, ma all'epoca superato per capacità tecnica da altri musicisti, Glenn Miller ha iscritto il proprio nome tra i grandi del jazz per la sua attività di band leader e una delle figure chiave nella transizione tra il Dixieland e il più moderno swing. Secondo l'autorevole All About Jazz, alcune delle canzoni che Miller scrisse, in particolare "In The Mood", definiscono il concetto stesso di swing: «è una delle migliori canzoni da ballo che emergono in quel periodo, un movimentato fox trot che spingeva le persone più anziane sulla pista da ballo ma che attiriva anche un pubblico più giovane». Se non l'avete mai sentita, eccola in una versione con lo stesso Miller al trombone per il film Sun Valley Serenade diretto da H. Bruce Humberstone nel 1941:
Miller_Glenn
Miller_Glenn

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento