Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Il Premio Nobel per la Letteratura 2015 a Svetlana Aleksievič

La scrittrice e giornalista bielorussa Svetlana Aleksievič ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2015, assegnato dall'Accademia di Svezia "per la sua scrittura polifonica, un monumento alla sofferenza e al coraggio nel nostro tempo".
Svetlana Aleksievič è nata da madre ucraina e padre bielorusso il 31 maggio 1949 in Ucraina, nella città di Ivano-Frankivsk. Quando il padre terminò il servizio militare in Ucraina l'intera famiglia si ritrasferì in Bielorussia, dove i genitori lavoravano entrambi come insegnanti.
Clicca qui per leggere il comunicato ufficiale dell'Accademia di Svezia che assegna il Nobel a Svetlana Aleksievič
Aleksievič ha studiato giornalismo all'Università di Minsk, dove si è laureata nel 1972. Fu proprio come giornalista che raccolse idee, documenti e racconti che la portarono alla stesura del suo primo libro, La guerra non ha un volto di una donna (uscito in russo nel 1985, quindi in inglese nel 1988, ma non in italiano), incentrato sulle numerose testimonianze rese da donne sovietiche che avevano partecipato alla Seconda Guerra Mondiale. La tecnica narrativa di Aleksievič è un coro di numerose voci che apportano testimonianze e racconti: le narrazioni così strutturate hanno contribuito in modo unico e straordinario a tratteggiare l'Unione Sovietica dalla Seconda Guerra Mondiale alla caduta del muro (fino alle repubbliche ex sovietiche di oggi) fornendone un'immagine drammatica e molto critica. In questa cornice letteraria e narrativa si collocano anche Ragazzi di zinco (edizioni e/o), sulla guerra russo-afghana, e Preghiera per Cernobyl. Cronaca del futuro (edizioni e/o), sul disastro nucleare del 1986. Altro libro di questo ideale ciclo è Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo (Bompiani).
Intervista a Sara Danius, Segretaria Permanente dell'Accademia di Svezia, subito dopo la nomina  - da lei stessa annunciata - del Nobel a Svetlana Aleksievič (dal canale You Tube del Premio Nobel)
Le sue posizioni politiche, fortemente critiche verso il regime sovietico, l'hanno costretta a lasciare la Bielorussia e a vivere in diversi paesi dell'Europa Occidentale, fra cui Germania, Svezia e Italia. Oggi vive a Parigi. (Nota della redazione: per quanto riguarda la trascrizione in italiano del nome della neo vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura ci siamo rifatti alla versione proposta dall'editore e/o, che ha pubblicato in Italia alcuni dei romanzi di Svetlana Aleksievič fra cui i sopracitati Preghiera per Cernobyl e Ragazzi di zinco). Crediti immagini: Apertura: banner tratto dalla pagina facebook ufficiale del Premio Nobel Link Box: ritratto di Sveltana Aleksievič tratto dal sito ufficiale del Premio Nobel Link
Swetlana_Alexandrowna_Alexijewitsch
alexievich_postcard
alexievich_postcard
Swetlana_Alexandrowna_Alexijewitsch
12039667_10153121667039103_3397587196739304680_n

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento