Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Le mostre di Parma 2020+21

Il 22 dicembre i luoghi della Cultura hanno aperto le porte virtualmente
Musei, siti storici, archivi, teatri e tutte le altre sedi di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21 sono chiuse al pubblico ma le grandi mostre si possono ora visitare online attraverso tour immersivi a 360°. Dal 22 dicembre, vi possono accedere i possessori della Parma Card tramite il portale parma2020.it e sull’App di Parma 2020+21. Fino al 28 gennaio 2021 la Card si potrà acquistare al prezzo di 5 euro. Sul portale e sull’App è possibile muoversi attraverso sale dei luoghi della cultura parmigiani accompagnati dalla presentazione delle guide Arturo Carlo Quintavalle, Leonardo Sangiorgi, Stefano Roffi, Vittorio Sgarbi, che raccontano le storie e i segreti delle opere esposte. L'elenco delle mostre sarà progressivamente aggiornato fino ad arrivare a oltre dieci esposizioni entro gennaio 2021. A dicembre sono disponibili: - “Hospitale - Il futuro della memoria”, la più grande installazione di Parma 2020, realizzata da Studio Azzurro e raccontata dalle parole del curatore Leonardo Sangiorgi. Il tour virtuale dell'Ospedale Vecchio permette di muoversi all'interno di una vera e propria installazione che racconta la storia dell’Hospitale nato dalle acque per accogliere i malati, poveri, orfani, famiglie in difficoltà, pellegrini che transitavano per la via Emilia e la via Francigena. - “L’ultimo Romantico. Luigi Magnani il signore della Villa dei Capolavori”, in cui Stefano Roffi, critico d'arte e direttore della Fondazione Magnani Rocca, accompagna i visitatori attraverso l’esposizione dedicata al musicologo-collezionista che amò e promosse il dialogo tra pittura, musica e letteratura. - “Antelami a Parma: il lavoro dell'uomo, il tempo della terra”, nella quale i visitatori, guidati dal racconto dello storico e critico dell'arte Arturo Carlo Quintavalle, possono toccare quasi con mano le statue dei Mesi e delle Stagioni di Benedetto Antelami. Il Ciclo dei Mesi e delle Stagioni racchiude un potente messaggio attraverso il loro valore simbolico-religioso e racconta di un'epoca di pieno equilibrio tra uomo e ambiente, tra natura e cultura. - “Ligabue e Vitaloni. Dare voce alla natura”, un viaggio immersivo nella poetica di Ligabue attraverso un confronto tra la sua pittura e le sculture di Vitaloni. Vittorio Sgarbi accompagna i visitatori attraverso le sale sotterranee di Palazzo Tarasconi per indagare la particolare empatia verso il mondo animale che accomuna Antonio Ligabue e Michele Vitaloni, i quali, narrandone le meraviglie, indagano la natura dell’uomo.
Per consultare il portale di Parma2020 clicca qui
  Crediti immagini Apertura: Ligabue e Vitaloni, Conferenza Stampa, ph. Edoardo Fornaciari (parma2020.it) Box: Virtual Tour Sgarbi Ligabue Vitaloni, ph. Edoardo Fornaciari (parma2020.it)
Parma2020+21
Ligabue e Vitaloni_Conferenza Stampa ph. Edoardo Fornaciari_4

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento