Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Mostre | La dinastia Brueghel e la rivoluzione fiamminga della pittura

leggi
Quattro generazioni di artisti che hanno rivoluzionato il punto di vista e lo stile della pittura del XVII secolo, sono in mostra a Bologna nelle sale di Palazzo Albergati. Mentre il rinascimento italiano concentra la sua attenzione sulla figura umana, con autori come Michelangelo, Leonardo o Tiziano, ad Anversa si assiste ad una vera e propria inversione di tendenza che mette al centro una natura forte e vigorosa, che sovrasta l’uomo e lo sottomette di fronte alla sua potenza. L’origine della rivoluzione realista di Pieter Brueghel il Vecchio, capostipite della famiglia, risale alle metà del 1500 quando, a seguito di un viaggio in Italia, la sua visione del paesaggio e di chi lo abita si modifica drasticamente.

Pieter Brueghel il Giovane, "La trappola per gli uccelli". 1601, Olio su tavola, 37,5x56,6 cm. Collezione privata, Lussemburgo. ©

Nelle opere di Brueghel, e dei sui discendenti, la vita è assoluta protagonista. Non solo quella dei nobili e dei ricchi ma tutte le vite, come dimostrano i numerosi dipinti che hanno come soggetti contadini, mercanti e gente del popolo. Anche il punto di vista su un altro tema centrale della pittura del Seicento come quello religioso è del tutto nuovo e mostra la possibilità di una vita lontana e indifferente alla fede, tanto che il rinnovato slancio che il cattolicesimo più intransigente ebbe in questo periodo storico, spinse Brueghel a distruggere alcune sue opere.

Jan Brueghel il Vecchio, "Paesaggio fluviale con bagnanti". 1595 - 1600. Olio su rame, 17x22 cm. Collezione privata, Svizzera.  ©

La mostra si divide in tre grandi aree tematiche e raccoglie gli oltre 100 lavori esposti in Paesaggi, Allegorie e Nature Morte. I dipinti e i disegni dei sei membri della dinastia Brueghel sono affiancati e messi a confronto con quelli di altri celeberrimi autori fiamminghi fra cui Bosch, Rubens e Joos van Cleve. Innovativa, infine, è anche la modalità di fruizione di alcune parti dell’esposizione. Attraverso un allestimento immersivo e partecipativo ci si può, infatti, calare nel periodo storico e nelle opere sentendo gli odori, osservando i colori e anche ascoltando i racconti del seicento fiammingo. Crediti immagini: Apertura: Peter Paul Rubens, "Familie van Jan Brueghel de Oude". (Wikipedia) Link Box: Pieter Brueghel il Vecchio, "Danza di contadini" (Wikipedia) Link
Peter_Paul_Rubens_-_Familie_van_Jan_Brueghel_de_Oude
Pieter_Bruegel_the_Elder_-_The_Peasant_Dance_-_WGA3499
03_Danza nuziale allʼaperto
11_Trappola per uccelli
07_Paesaggio fluviale con bagnanti

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento