Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

16 marzo 1978: il rapimento di Aldo Moro

Molte le iniziative editoriali e artistiche messe in campo per ricordare il quarantesimo anniversario della strage di via Fani
La mattina del 16 marzo 1978 le Brigate Rosse rapiscono Aldo Moro, presidente della Democrazia Cristiana, e uccidono i cinque agenti della scorta. Il corpo senza vita di Moro sarà ritrovato 55 giorni dopo, il 9 maggio, nel bagagliaio di una Renault 4 parcheggiata in via Caetani, nel centro di Roma. Quest'anno ricorre il quarantesimo anniversario della strage di via Fani. Molte le iniziative editoriali e artistiche messe in campo per ricordare uno dei periodi più drammatici della storia della Repubblica Italiana. Aldo Moro – Cronache di un sequestro è un’inchiesta multimediale di Ezio Mauro, che comprende dieci articoli e due interviste su Repubblica, una webserie in dieci episodi e un docu-film dal titolo  “Il condannato” in onda su Rai 3 il 16 marzo.
Clicca qui per vedere la webserie su Repubblica.it
Rai Cultura, in occasione del centesimo anniversario dalla nascita di Aldo Moro (1916-1978), ha realizzato un webdoc dedicato alla figura dello statista pugliese con una ricostruzione dei cruciali 55 giorni, curata da Sergio Zavoli.
Clicca qui per vedere il webdoc su RaiCultura
Su La7 il programma Atlantide curato da Andrea Purgatori ha dedicato due puntate al caso Moro.
Clicca qui per vedere la prima puntata e qui per vedere la seconda
A Roma, il MAXXI – Museo nazionale delle Arti del XXI secolo – ha deciso di ricordare Aldo Moro attraverso incontri e opere d’arte che ripercorrono i momenti del sequestro e della prigionia. Dal 16 al 9 maggio, sarà esposta l’opera 3,4 mq di Francesco Arena, che riproduce in dimensioni reali l’ambiente nel quale Moro fu tenuto prigioniero. In J&B, l’artista Flavio Favelli ridisegna un frammento del quotidiano La Repubblica del 16 marzo 1978, dove il titolo scioccante sul rapimento Moro contrasta con la freddezza della pubblicità di una marca di whisky. In Varietà, lo stesso artista presenta 3 francobolli originali emessi per il 25° anniversario della morte di Moro: per un errore di produzione, le immagini risultano sfocate, simbolo di una storia tragicamente sbagliata e ingiusta. Durante i 55 giorni di esposizione, si svolgeranno inoltre incontri e dibattiti con giornalisti e scrittori. L’11 aprile sarà presentato il libro di Marco Damilano Un atomo di verità.   Crediti immagini Apertura: Rapimento di Aldo Moro in via Fani (Flickr) Box: Roma, 28 giugno 1977. Una stretta di mano tra il segretario comunista Enrico Berlinguer e il presidente democristiano Aldo Moro, i principali fautori dell'opera di riavvicinamento tra le rispettive (ed opposte) forze politiche, il Partito Comunista Italiano e la Democrazia Cristiana (Wikimedia Commons)
23560142924_8d1b763c3e_h
800px-Enrico_Berlinguer_+_Aldo_Moro

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento