Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

18 settembre 1860: la battaglia di Castelfidardo

La battaglia di Castelfidardo del 18 settembre 1860 fu un punto di svolta nel Risorgimento Italiano, tappa decisiva per l'annessione di Umbria e Marche al nascente Regno d'Italia (annessione avvenuta il successivo 4 novembre). A Castelfidardo , piccolo comune in provincia di Ancona, le truppe reali guidate dai generali emiliani Enrico Cialdini e Manfredo Fanti si scontrarono con l'esercito pontificio comandato da Christophe Louis de Lamorcière e Georges de Pimodan. Entrambi gli schieramenti erano in marcia per raggiungere Ancona. L'esercito pontifico, che poteva contare su un numero di soldati di molto inferiore a quello reale, si sarebbe asserragliato per resistere a un eventuale assedio. L'11 settembre Cialdini guidava l'invasione allo Stato Pontificio e nei giorni successivi i piemontesi presero sul versante adriatico Pesaro, Urbino e Fano. Il 15 settembre cadde Jesi. I due eserciti arrivarono poi a fronteggiarsi la mattina del 18 settembre nei pressi di Castelfidardo, dopo giorni di marce estenuanti. I piemontesi ebbero la meglio dopo che l'esercito Pontificio guidato da de Pimodan, che morirà nella battaglia, aveva sferrato un attacco disperato intorno alle 8 del mattino. De Lamorcière ripiegò con un manipolo di soldati ad Ancona, che però cadde pochi giorni dopo. La battaglia di Castelfidardo si rivelò decisiva e segnò, insieme alla breccia di Porta Pia (dieci anni dopo), i due momenti decisivi per la sconfitta dello Stato Pontificio, che fra 1860 e 1870 fu così limitato al solo Lazio. Per approfondire:  Clicca qui per leggere una scheda sulla battaglia dal sito ufficiale del Comune di Castelfidardo Crediti immagini: Apertura: Ossario di Castelfidardo, di Francesco Gasparetti (flickr) Box: Monumento celebrativo della Battaglia di Castelfidardo, di Roberto Ferrari (flickr)
156579601_9f737c6501_b
127902653_cbdd2a7858_z

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento