Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Amazônia di Sebastião Salgado al MAXXI

Per sei anni il fotografo brasiliano ha esplorato la foresta, i fiumi, le montagne e i popoli che abitano l’Amazzonia brasiliana, realizzando il ritratto di un ecosistema unico e in pericolo.
leggi
Domani primo ottobre aprirà al pubblico l’anteprima e l'unica tappa italiana di Amazônia, la mostra del fotografo brasiliano Sebastião Salgado che raccoglie sei anni di immagini scattate nel cuore del pianeta e dell’umanità. Allestita presso il Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, l’esposizione rappresenta un grande progetto di sensibilizzazione ecologica sulla condizione dell’Amazzonia brasiliana, sempre più minacciata dallo sfruttamento e di recente anche dalla pandemia. Attraverso più di 200 opere, il percorso promette un’esperienza immersiva senza precedenti. Non solo fotografie in bianco e nero – come nello stile più classico di Salgado – ma anche immagini in movimento, suoni concreti della foresta, dal fruscio degli alberi al canto degli uccelli, che mettono lo spettatore al centro di un landscape sonoro creato dal musicista e compositore francese Jean-Michel Jarre. La mostra mette in evidenza l’unicità e la fragilità di questo ecosistema, mostrando come solo le comunità indigene quali Yanomami, Asháninka, Yawanawá, Suruwahá, Marubo e Macuxi siano ancora oggi, seppure in bilico sulla sopravvivenza, le uniche a saper preservare il loro ambiente. L’occhio di Salgado si posa dunque sulla natura e sui suoi guardiani ancestrali, immortalando i loro intensi legami familiari, le modalità di caccia, pesca e condivisione delle risorse, l’incredibile talento nel dipingere volti e corpi, l’importanza dei loro sciamani, dei rituali e delle danze. La mostra, a cura di Lélia Wanick Salgado, moglie del celebre fotoreporter umanista, si potrà visitare fino al 13 febbraio 2022. Durante i prossimi mesi saranno organizzati eventi ed incontri per discutere dei contenuti del progetto e dell'emergenza ambientale.
Per maggiori informazioni clicca qui
  Il percorso umano e artistico del fotografo brasiliano è stato raccontato da Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado nel documentario "Il sale della Terra" del 2014.
Su Aula di Lettere ne ha parlato Luigi Paini nell'approfondimento dedicato a "Cinema, agenda 2030 e ambiente" disponibile a questo link.
  Crediti immagini Apertura: Sebastião Salgado, Sciamano Yanomami dialoga con gli spiriti prima della salita al monte Pico da Neblina. Stato di Amazonas, Brasile, 2014 (maxxi.art) Box: Sebastião Salgado nel 2016 (Wikimedia Commons)
Salgado
Sebastião_Salgado_02

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento