Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

ANIMALS di Steve McCurry in mostra a Torino

La Palazzina di Caccia di Stupinigi, a Nichelino, ospita gli scatti del grande fotografo americano: una riflessione d'autore sullo sfruttamento dell'ambiente e sul profondo legame fra la specie umana e gli altri abitanti della Terra
leggi
Aprirà al pubblico il prossimo 27 novembre ANIMALS, la mostra di Steve McCurry dedicata alle storie di una vita quotidiana che raccontano il legame indissolubile tra specie umana e animale. L’esposizione racconta l’interazione e la condivisione, affrontando i temi del lavoro e del sostentamento da parte degli animali, delle conseguenze del nostro agire sulla fauna ma anche dell’affetto che riversiamo sulle altre specie. Le origini del progetto risalgono al 1992, quando il fotografo statunitense era in missione per documentare l'impatto devastante della prima guerra del Golfo sull'ambiente e sulla fauna della zona. Il fotogiornalista tornò dal reportage con alcune delle sue immagini più famose, come i cammelli che sfilano davanti alle piattaforme del Kuwait in fiamme e gli uccelli migratori inzuppati di petrolio, che nello stesso anno gli valsero il premio Word Press Photo. Steve McCurry si è sempre concentrato sulle storie delle categorie più vulnerabili: ha esplorato la condizione dei civili nelle zone di guerra, con un'attenzione particolare ai bambini, ha seguito gruppi etnici in pericolo e le conseguenze delle catastrofi naturali. Infine, proprio a partire da quel 1992, ha aggiunto alle sue visioni un nuovo sguardo empatico sul mondo degli animali. Per comporre ANIMALS, l'immenso archivio di McCurry è stato setacciato dalla curatrice Biba Giacchetti e dallo stesso autore, che hanno selezionato una collezione di 60 immagini capaci di raccontare in un unico affresco le diverse condizioni degli animali: testimoni di storie di sopravvivenza umana, complici di un legame simbiotico e inimitabile, primi interpreti della potenza della natura e della nostra incapacità di proteggerla. “Animals ci invita a riflettere sul fatto che non siamo soli in questo mondo, in mezzo a tutte le creature viventi attorno a noi. Ma soprattutto lascia ai visitatori un messaggio: ossia che, sebbene esseri umani e animali condividano la medesima terra, solo noi umani abbiamo il potere necessario per difendere e salvare il pianeta”, ha spiegato Giacchetti. A far da cornice all'esibizione – visitabile fino al primo maggio 2022 – la residenza sabauda della Palazzina di Caccia di Stupinigi di Nichelino. Situato a 10 km da Piazza Castello a Torino, il complesso architettonico, con i suoi arredi originali, i dipinti, i capolavori di ebanistica è stato proclamato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1997.
Per consultare il sito della mostra clicca qui
  Crediti immagini Apertura: banner della mostra tratto dal sito ufficiale https://mostramccurry.com/ Box: Steve McCurry (foto di John Ramspott, Wikimedia Commons, CC-BY-SA 2.0)
McCURRY
McCURRY_2

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento