Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

"Elvis è tornato!"

Il 5 marzo del 1960 Elvis Presley torna negli USA dopo aver svolto il servizio di leva: finiscono le polemiche e la carriera della star può riprendere a gonfie vele
leggi
Dopo due anni di servizio militare, Elvis Presley ritorna civile e può riprendere la sua carriera di cantante e attore. Elvis è tornato! (nell'originale: Elvis is back!) è il titolo del disco che esce per la RCA Records proprio lo stesso anno del congedo dalle armi. Il ritorno di Elvis è sottolineato anche da uno show televisivo (sulle reti ABC) presentato da Frank Sinatra, altra grande star della musica pop americana dell'epoca. Per la partecipazione, Elvis riceve 125 mila dollari: un record per l'epoca.
 La divisa del private Presley conservata all'Elvis Presley Mansion di Graceland, Tennessee (Immagine: Adam Jones)
Elvis Presley era stato richiamato per svolgere il servizio obbligatorio di leva all'inizio del 1958. La star, allora ventiquattrenne, viene assegnata alla base americana di Frielberg, in Germania. La chiamata alle armi di Presley scatenò polemiche a non finire nell'opinione pubblica americana, ma il cantante si era reso disponibile a servire la patria sotto l'esercito fin dal 1957. L'esperienza tedesca fu l'unica occasione in cui Elvis Presley mise piede in Europa. Nel film G.I. Blues dello stesso 1960 ci sono anche le uniche tracce d'Europa nelle sue canzoni. In "Wooden Hear", infatti, canta alcuni versi in tedesco, come potete sentire nel video qui sotto.
"Wooden Heart" dal film "G.I. Blues" del 1960
elvis_army
elvis_army

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento