Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

LE DATE DELLA CRISI

L’UCRAINA SOVIETICA E POST-SOVIETICA
1922-1991
L’Ucraina è una delle 15 Repubbliche socialiste sovietiche
1991
L’Ucraina proclama la propria indipendenza
1991-1994
Leonid Kravchuk primo presidente dell’Ucraina indipendente
1994-2005
Leonid Kuchma presidente della Repubblica
2004
Rivoluzione arancione
2005-2010
Viktor Yushenko presidente della Repubblica
2010-2014
Viktor Yanukovich presidente della Repubblica. Sotto la sua presidenze, a partire dal novembre 2013, precipita la crisi ucraina
 
L'UCRAINA NELLA CRISI (novembre 2013-marzo 2014)
21 novembre 2013
Il presidente Yanukovich annuncia l’interruzione delle trattative per l’«associazione» dell’Ucraina all’U­nione europea
24-25 novembre 2013
Prime manifestazioni a Kiev contro il regime di Yanukovich. Epicentro della rivolta è piazza dell’indipendenza, chiamata semplicemente «Maidan», che in ucraino significa «piazza»
30 novembre 2013
Primi scontri di piazza. 25 dimostranti vengono arrestati
1° e 8 dicembre 2013
Ancora manifestazioni contro il regime. Vi partecipano centinaia di migliaia di oppositori. Viene occupato il parlamento di Kiev. Ulteriori scontri con la polizia
14 dicembre 2013
Manifestazioni pro-regime, a sostegno di Yanukovich
17 dicembre 2013
Yanukovich a Mosca da Putin ottiene consistenti prestiti e sostegno economico dalla Russia
16 gennaio 2014
A fronte del perdurare delle manifestazioni, il parlamento approva una serie di leggi che limitano il diritto di manifestare. Le proteste aumentano di intensità e di violenza
22-25 gennaio 2014
Primi morti negli scontri di piazza. Perdono la vita 4 manifestanti e un poliziotto. La rivolta si estende nelle regioni occidentali del paese.
28 gennaio 2014
Le leggi contro la libertà di manifestare vengono revocate. Il governo tenta di stabilire una tregua con i manifestanti. Ma le manifestazioni continuano
18 febbraio 2014
Le proteste continuano. Fallita qualsiasi ipotesi di tregua, il governo reprime brutalmente. Negli scontri muoiono 28 manifestanti. Sono centinaia i feriti
20 febbraio 2014
È il giorno più tragico della rivolta. Circa 80 dimostranti perdono la vita negli scontri con la polizia. Yanukovich comincia a trovarsi isolato
21 febbraio 2014
Yanukovich firma una tregua con le opposizioni per evitare in extremis il dilagare delle violenze
22 febbraio 2014
Yanukovich viene destituito dal Parlamento e fugge da Kiev, rifugiandosi da ultimo in Russia e gridando al colpo di stato. Viene liberata la ex leader della rivoluzione arancione Yulia Tymoshenko
24-25 febbraio 2014
Le regioni orientali del paese, in particolare la Crimea, a maggioranza russa insorgono contro la rivoluzione di Kiev e i suoi risultati. Invocano la secessione e l’intervento di Mosca
fine febbraio-inizio marzo 2014
Cresce la presenza militare russa, soprattutto in Crimea, dov’è di stanza la flotta russa del Mar Nero
1° marzo 2014
Putin ottiene l’autorizzazione del Consiglio della Federazione russa a intervenire militarmente in Ucraina
inizio marzo 2014
La crisi assume definitivamente un carattere internazionale, attivando le cancellerie europee e gli Stati Uniti, che si schierano con Kiev. Il parlamento di Simferopoli, capitale della Crimea, fissa al 16 marzo un referendum sulla secessione della regione da Kiev

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento