Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

15 settembre 1864: Francia e Italia stipulano la Convenzione di settembre

Dopo tentativi diplomatici che sono iniziati fin dal 1860, la Francia di Napoleone III e il Regno d'Italia trovano l'accordo per il ritiro delle truppe francesi da Roma, dove si trovavano dal 1849 a difesa del papa. L'accordo noto come Convenzione di settembre viene firmato a Fontainebleau da Costantino Nigra, ambasciatore italiano a Parigi, Gioacchino Napoleone Pepoli ambasciatore italiano a Pietroburgo ed Édouard Drouyn de Lhuys, ministro degli Esteri francese. L'accordo (di cui potete trovare la versione in pdf sul sito dell'Università di Firenze) stabiliva inoltre lo spostamento della capitale italiana da Torino entro sei mesi per dimostrare il disinteresse del Regno d'Italia a puntare a Roma per farne la capitale. Dopo il vaglio di Napoli, fu scelta Firenze, che divenne capitale dal 1865 e tale rimase fino al 1871. La notizia dello spostamento della capitale provocò sommosse e disordini a Torino nelle giornate del 21 e 22 settembre 1864. Eccone una rappresentazione litografica conservata presso il Museo Torino, in cui si vedono gli scontri in piazza San Carlo del 22:   Immagine del box in homepage: Ponte Vecchio di Firenze via Wikimedia Commons.
firenze
torino_firenze

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento