Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Il conflitto siriano rischia di trasformarsi anche in un conflitto di religioni.

Bashar al Assad è a capo di un regime laico dominato dagli alawiti, una corrente dell’islam sciita che in Siria rappresenta il 12% della popolazione ed è considerata eretica da molti sunniti.

La maggioranza dei siriani (66%) pratica l’islam sunnita.

La forte minoranza cristiana (circa il 10%) ha sempre goduto della protezione del regime e in generale tende ad appoggiarlo.

Una consistente minoranza curda (9%) è concentrata nella regione al confine con l’Iran e la Turchia. Infine, una piccola minoranza è costituita dai drusi, seguaci di una setta religiosa che unisce elementi dell’islam, del giudaismo e del cristianesimo; rappresentano il 3% della popolazione e sono concentrati presso il confine libanese (anche in Libano c’è una consistente  comunità drusa).

La Siria ha circa 23 milioni di abitanti.

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento