Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

La moda, tra modi e modelli

Francesca Dragotto ricostruisce in questo Sentiero di parole l'origine del termine "Moda". Moda è un prestito dal francese "Mode", termine che deriva dal latino "modus", misura. "Modus" indica sia l'unità di misura che la misura intesa come giudizio di valore.

Francesca Dragotto ricostruisce in questo Sentiero di parole l'origine del termine Moda. Moda è un prestito dal francese Mode, termine che deriva dal latino Modus, misura. Modus indica sia l'unità di misura che la misura intesa come giudizio di valore. In questo secondo caso insomma, ciò è al di sotto della mediocritas indicherebbe l'inaccettabile. La concettualizzazione della misura è poi ciò a cui possiamo ricondurre il sostantivo "modus": la misura dell'agire del qui e dell'ora. Il termine "moda", sia in italiano che in francese, da cui deriva, è al femminile: si tratta di un'allotropia. Nel momento in cui moda diventa il gusto del momento, per quanto riguarda vestiti, corpi e comportamenti, ci si avvicina poi al termine "conformità". Se facciamo riferimento a questo termine, possiamo anche arrivare fino alla creazione di stereotipi relativi a comportamenti e corpi, proprio a partire da ciò che è "conforme". 

Crediti immagini: Apertura: Pixabay

box_dec21_dragotto

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento