Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

“Donne nell’Arte: da Tiziano a Boldini” riapre a Brescia

Torna a Palazzo Martinengo, dopo l’improvvisa interruzione per la pandemia, la mostra “al femminile” che attraverso 90 capolavori dipinge il ruolo centrale della donna nell’arte italiana, dal Cinquecento fino alla Belle Époque.

Chiusa all’improvviso dopo sole cinque settimane a causa della pandemia, proprio l’8 marzo 2020, è finalmente tornata ad animare le sale di Palazzo Martinengo Cesaresco di via Musei la mostra “Donne nell’Arte: da Tiziano a Boldini”. Promossa dall’Associazione Culturale Amici di Palazzo Martinengo, l’esposizione include 90 capolavori al femminile, rintracciati dal curatore Davide Dotti in collezioni private italiane ed estere, musei e pinacoteche, per ripercorrere le mille sfumature di un universo centrale nella storia dell’arte italiana.

I più grandi pittori rinascimentali, barocchi e del XIX secolo, da Raffaello a Tiziano, da Caravaggio a Tiepolo, da Zandomeneghi a De Nittis, fino a Boldini, il migliore artista italiano della Belle Époque, hanno sempre dedicato a nobildonne, aristocratiche e popolane, ritratti memorabili, testimonianza di personalità, eleganza, carattere.

Il percorso espositivo è stato suddiviso in otto sezioni tematiche: dai tratti della santità – Maddalena, Caterina, Barbara, Lucia – alle eroine bibliche, dalla mitologia agli esempi storici di sacrificio estremo – Cleopatra, Lucrezia romana e Sofonisba – fino alla più semplice dimensione domestica, che ricorre soprattutto nella pittura italiana dell’Ottocento, vera protagonista della rassegna.

A disposizione delle scuole l’Associazione ha pensato a diversi percorsi didattici, per la scuola dell’Infanzia e la Primaria “Colori luci e ombre: il magico mondo dell'arte!”, per la Primaria “Leggere l'opera d'arte” e “Il gioco dei ruoli: come ci si sente nei panni altrui?”, per Primaria e Secondaria di I grado “La donna e la moda: stili e canoni di bellezza di ieri e di oggi”, per la Secondaria di I grado “Arte, lavoro e società”. I percorsi destinati alla Secondaria II grado sono “La donna tra arte e letteratura” e “Arte con dibattito” (entrambi anche per Secondaria di I grado) e “La donna nella storia dell'arte: soggetto e artista”.

Infine, grazie alla collaborazione con la Fondazione Marcegaglia Onlus, tramite appositi pannelli di sala, sarà possibile approfondire alcune tematiche di grande attualità, sia sociale che mediatica, quali le disparità tra uomini e donne, il lavoro femminile, le violenze domestiche, le “quote rosa”.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 12 giugno 2022.

Per consultare il sito della mostra clicca qui
Per consultare la pagina e la scheda in pdf dedicata alla proposta didattica clicca qui

Crediti immagini
Home page: Tiziano, Maddalena penitente, 1550 circa (Wikimedia Commons)
Articolo: Locandina della mostra (amicimartinengo.it)

condividi