Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Il 16 settembre torna il festivalfilosofia

L’edizione 2022 sarà dedicata al tema della giustizia

leggi

Si svolgerà da venerdì 16 a domenica 18 settembre il festivalfilosofia che si tiene ogni anno a Modena, Carpi e Sassuolo. Dopo le limitazioni dei due anni precedenti, l’edizione 2022 si terrà in piena capienza, con accesso libero e senza prenotazione. Il programma prevede oltre 200 eventi, tra lezioni magistrali, mostre, spettacoli, letture, attività per ragazzi e cene filosofiche, dedicate al tema della giustizia.

Il cuore della manifestazione saranno le 53 lezioni magistrali, nel corso delle quali autrici e autori italiani e internazionali affronteranno le diverse declinazioni del tema principale. Si parlerà di disuguaglianza, redistribuzione e merito, del rapporto tra la pace e la guerra, di questioni legate al diritto, alla colpa e alla pena, di processi di riparazione, di giustizia intergenerazionale. Oltre ad alcune voci ricorrenti –  come Enzo Bianchi, Massimo Cacciari, Barbara Carnevali, Maurizio Ferraris (Lectio “Coop Alleanza 3.0”), Simona Forti, Umberto Galimberti, Michela Marzano (Lectio “Rotary Club Gruppo Ghirlandina”) – vi saranno ventiquattro relatori e relatrici che parteciperanno al festival per la prima volta, tra cui Joanna Bourke, Anne Lafont, Brunilda Pali, Vittorio Emanuele Parsi (Lectio “Confindustria Emilia Area Centro”), Walter Scheidel, Wolfgang Streeck, Jörg Tremmel (Lectio “Gruppo Hera”), Lea Ypi (Lectio “BPER Banca”). Per tutti e tre i giorni, le lezioni che si terranno a Modena alle ore 18 saranno trasmesse in diretta streaming sui canali del festival.

Il programma creativo comprende mostre, installazioni, musica, narrazioni e laboratori organizzate intorno agli stessi temi. Nella pista “Giustizia e diseguaglianza” le esperienze di svantaggio, di diritti negati, di disabilità e di fragilità vengono sviluppate mostrando possibilità di liberazione, di responsabilizzazione e di forme di uguaglianza. Il percorso “Colpa e pena” comprende spettacoli, conversazioni, film e laboratori per ragazzi che portano a sperimentare la vulnerabilità, il ruolo del reo, della vendetta e del giustizialismo fai-da-te, insieme alle figure degli odierni supereroi e giustizieri mascherati. In “Processi di riparazione”, mostre, film, spettacoli, laboratori metteranno in scena situazioni di ricostruzione e riconciliazione della memoria e delle comunità. La quarta pista affronterà esperienze radicali di pace e guerra, mentre “Passioni di giustizia” sarà caratterizzata da grandi modelli letterari e performativi, e raccoglierà tecniche e testimonianze volte a stimolare la riflessione sui fantasmi emotivi e culturali che possono ottenebrare compassione e capacità di espressione. L’ultima pista, “Nuove frontiere”, include interventi visuali e performativi che presentano le sfide presenti e future per il tema della giustizia, con lo sguardo rivolto alla crisi climatica, alla voce e all’eredità delle prossime generazioni, alla salvaguardia delle specie, alle possibilità che si aprono con le tecnologie digitali.

Un programma di spettacoli, narrazioni interattive ed esperienze sensoriali accompagnerà i visitatori più giovani alla scoperta del concetto di giustizia. A Modena, sabato 17 alle ore 11 si terrà la narrazione “Il filo della speranza”, dedicata a ragazze e ragazzi a partire dai 14 anni, che racconta le lotte delle prime cooperative femminili, mettendo in luce come un sapere artigianale possa trasformarsi in strumento di giustizia sociale. “AAA Supereroi cercasi” è un laboratorio per famiglie che propone uno speciale percorso tra le illustrazioni del Museo della Figurina, partendo dal leggendario Superman per arrivare agli attuali protagonisti dei fumetti e dei film di animazione. A Carpi, nel corso dell’incontro dedicato a partecipanti dai 10 anni in su, dal titolo “Il clima non è uguale per tutti. Visioni e soluzioni per cambiare il cambiamento climatico”, la climatologa Elisa Palazzi e il divulgatore Federico Taddia, ragioneranno sullo stato di salute della Terra, sugli effetti quotidiani e sociali del cambiamento climatico e sulle buone pratiche da mettere in atto. A Sassuolo, il laboratorio “Disegna il tuo giustiziere” esplorerà, anche attraverso esempi visivi, il concetto di giustizia e quello di vendetta nel mondo dei fumetti, tramite le differenze tra alcuni dei personaggi più popolari.

Per consultare il sito del festival clicca qui.

Crediti immagini
Homepage:
Sassuolo, piazza Garibaldi. Foto Elisabetta Baracchi (festivalfilosofia.it)
Articolo: Immagine ufficiale 2022 – giustizia (festivalfilosofia.it)