Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Podcast
Chi siamo
Cerca
Accad(d)e che

Un nuovo percorso per visitare l’insula dei Casti Amanti di Pompei

Gli scavi hanno portato alla luce nuovi dipinti mitologici e disegni realizzati da bambini prima dell’eruzione

leggi

Dal 28 maggio 2024 è possibile visitare, attraverso un sistema di passerelle sospese, il cantiere dell’insula dei Casti Amanti del Parco Archeologico di Pompei. Oggetto di scavi sin dal 1912, l’insula non è stata ancora indagata in tutti i suoi settori. Comprende diverse abitazioni e un panificio e deve il suo nome dalla decorazione di un triclinio, che raffigura lo scambio di un bacio tra due amanti. Il percorso inaugurato nei giorni scorsi consente una visione complessiva dell’area e dell’architettura delle case romane.

Nell’ambito del progetto di restauro, scavo, e accessibilità, inoltre, sono stati rinvenuti dei disegni a carboncino, che per la semplicità dell’esecuzione e dell’iconografia, sembrerebbero essere stati realizzati da bambini. Le immagini, raffiguranti gladiatori e cacciatori, saranno studiate in collaborazione con il dipartimento di neuropsichiatria infantile dell’università Federico II di Napoli.

Oltre ai disegni, nel corso dello scavo sono stati ritrovati i corpi di due vittime, una donna e un uomo, morti davanti al portone chiuso della Casa dei Pittori al lavoro. Di questa abitazione, così chiamata perché al momento dell’eruzione erano in corso dei lavori di pittura, è venuto alla luce un cubicolo (“camera da letto”), allestito come uno studiolo. È stato, inoltre, rinvenuto un nuovo ambiente in cui è emersa una parete affrescata con scene mitologiche (centauri, sirene) e divinità (Afrodite, Apollo, Dioniso). Su un’altra parte, è stato ritrovato un quadretto raffigurante un bambino incappucciato, circondato da grappoli d’uva e melagrane e affiancato da un cagnolino, che rappresenta una rappresentazione inedita all’interno delle opere pompeiane.

Per maggiori informazioni clicca qui.

Crediti immagini
Homepage e articolo
: Modello di Pompei in scala 1:100, Fotografia di Gary Todd  (Wikimedia Commons)