Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

"Una ronda di notte" da 5.6 terabyte condivisa online dal Rijksmuseum

Il museo di Amsterdam ha pubblicato sul suo sito il capolavoro di Rembrandt a “ultra-alta-risoluzione”: 717 gigapixel per la foto più grande e più definita mai realizzata di un’opera d’arte

Compagnia di milizia del Distretto II sotto il comando del capitano Frans Banninck Cocq, più brevemente conosciuta come Ronda di notte (De Nachtwacht), è il quadro più noto del pittore olandese Rembrandt. Negli ultimi due anni e mezzo con tutte le pause e le limitazioni dovute all’emergenza sanitaria, il dipinto, che misura oltre 4 metri per 3, è apparso agli occhi dei visitatori chiuso in un’enorme teca di vetro. La struttura è servita come base di lavoro per il team di ricercatori di “Operation Night Watch”, una campagna di studi finalizzata alla comprensione, restauro e conservazione dell’opera del 1642.

Nei primi giorni del nuovo anno, è stato svelato sul sito del Rijksmuseum il primo grande traguardo dell’operazione, una versione digitalizzata della Ronda di notte a “ultra-alta-risoluzione”, che permette a chiunque di perdersi in ogni singolo colpo di pennello e particella di pigmento utilizzati da Rembrandt per dare vita al suo capolavoro. Per realizzare l’immagine è stata utilizzata una Hasselblad H6D 400 MS, fotocamera da 100 megapixel, che ha scattato 8439 foto da 5,5 per 4.1 centimetri, tarate e combinate poi insieme con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. La distanza fra due pixel è di appena 5 micrometri (0.005 millimetri), in pratica più piccola della grandezza di un globulo rosso. Nessuna opera d’arte è stata mai ripresa con questo dettaglio.

In precedenza, i ricercatori avevano messo a segno diverse altre scoperte, riuscendo a tratteggiare con precisione la sottostante bozza iniziale di Rembrandt. Avevano così individuato elementi inizialmente previsti nella composizione e poi cancellati (come delle piume su un elmo e una spada in più presente fra i due protagonisti Frans Banninck Cocq e Willem Van Ruytenburch), oltre che altri strati di pittura persi per abrasione o alterati dall’invecchiamento di smalti e vernici protettive.

Nel 1715, durante lo spostamento dalla sede originaria al municipio di Amsterdam, la Ronda di notte andò incontro al drastico taglio di due ampi pannelli laterali, e di due strisce, in alto e in basso. Anche in questo caso i responsabili di “Operation Night Watch” sono intervenuti servendosi delle reti neurali: partendo da una piccola copia coeva, attribuita a Gerrit Lundens, hanno insegnato alle A.I. a tratteggiare le parti mancanti con lo stile e i precisi colori originali, le hanno stampate ad alta definizione, integrando infine il quadro per riportarlo finalmente alle sue reali proporzioni.

A fine gennaio comincerà l’opera di restauro vera e propria, partendo innanzitutto da una serie di deformazioni scoperte nell’angolo in alto a sinistra della tela, che il team di esperti cercherà di correggere e appiattire con un sistema di pesi.

Per vedere l’immagine navigabile clicca qui

Per maggiori informazioni su “Operation Night Watch” clicca qui

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento