Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Van Gogh a Palazzo Bonaparte

L’8 ottobre arriva a Roma una delle mostre più attese della stagione

leggi

Aprirà al pubblico il prossimo 8 ottobre la mostra dedicata a Van Gogh, ospitata da Palazzo Bonaparte, a Roma. L’esposizione ricostruisce la vicenda umana e artistica del pittore olandese attraverso 50 opere provenienti dal Museo Kröller Müller di Otterlo, nei Paesi Bassi, e attraverso testimonianze biografiche.

Il percorso espositivo è organizzato secondo l’ordine cronologico della vita dell’artista e fa riferimento ai diversi luoghi da lui abitati: dall’Olanda a Parigi, da Arles fino a St. Remy e Auvers-Sur-Oise. Al periodo della giovinezza appartengono i paesaggi scuri e la rappresentazione di figure legate al lavoro della terra, come i raccoglitori di patate, i tessitori, i boscaioli, le donne intente a mansioni domestiche o affaticate a trasportare sacchi di carbone o a scavare il terreno.

Nel periodo parigino il pittore si dedica alla ricerca sul colore sulla scia impressionista e dimostra una nuova libertà nella scelta dei soggetti, con la conquista di un linguaggio più immediato e cromaticamente vibrante. L’interesse per la fisionomia umana si manifesta nella serie di autoritratti realizzati in questi anni, tra i quali il celebre dipinto a fondo azzurro con tocchi verdi del 1887, presente in mostra.

Dal 1887, la luce e il calore della Francia meridionale generano aperture ancora maggiori verso eccessi cromatici. Nel Seminatore, realizzato ad Arles nel giugno 1888, Van Gogh avverte che si può giungere a una tale sfera espressiva solo attraverso un uso metafisico del colore. A questo periodo appartengono anche Il giardino dell’ospedale a Saint-Rémy (1889), Il burrone di Peiroulets (1889), che sembra inghiottire ogni speranza, e la rappresentazione di un Vecchio disperato (1890), che diviene immagine di una disperazione fatale.

L’esposizione, allestita alla vigilia dei 170 anni del poeta (30/03/1853), sarà aperta al pubblico fino al 26 marzo 2023. L’offerta didattica per la scuola secondaria di primo e secondo grado propone visite guidate di circa 75 minuti.

Per consultare il sito della mostra clicca qui.

Crediti immagini
Homepage e articolo:
Vincent Van Gogh, Autoritratto, inverno 1886/87. Museo Kröller-Müller, Otterlo (Wikimedia Commons)