Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

La doppia vita della prosopopea

Andrea Tarabbia ci presenta la prosopopea attraverso una poesia di Aldo Palazzeschi. La prosopopea è una figura retorica molto simile alla personificazione, ma con la quale non va confusa

Aldo Palazzeschi, La fontana malata, 1909

[…]

È giù, nel cortile, la povera fontana malata; che spasimo! sentirla tossire. Tossisce, tossisce, un poco si tace… di nuovo tossisce. Mia povera fontana, il male che hai il cuore mi preme

[…]

Ha due vite, la prosopopea, forse tre. La prima ha a che vedere direttamente con il significato della parola: uno che ha una certa prosopopea è un presuntuoso, un arrogante.

Però poi la prosopopea è anche una figura retorica il cui significato non c’entra con pomposità ed ego smisurati. In retorica si usa la prosopopea per dar voce a chi non ce l’ha: i morti, le cose inanimate. C’è una splendida poesia di Carducci, Davanti a S. Guido, dove i cipressi del viale di Bolgheri accolgono il poeta, gli vanno incontro e gli danno il benvenuto. Leopardi la usa nel Canto notturno, quando chiede alla luna che fa, in ciel. E ci sono, in poesia come in prosa, schiere di morti che affiorano dai ricordi, popolano i sogni e parlano con i vivi.

Un orso rimane un orso, un albero rimane un albero

Ma allora, direte voi, la prosopopea è una personificazione. No. C’è una differenza sottile: nella personificazione, le cose inanimate acquistano tratti umani – come i personaggi di certi cartoni animati in cui volpi, leoni e orsi camminano su due zampe e hanno modi e sentimenti nostri. La prosopopea, invece, è una figura che dà voce umana a chi una voce umana non l’ha: ma, in essa, un orso rimane un orso, un albero rimane un albero. Non è sempre facile distinguere la prosopopea dalla personificazione: si direbbe che la prima sia un sottoinsieme della seconda. (Crediti immagini: Steve Collins, flickr e Christopher, flickr)

retoriche_box

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento