Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Le altre vite del metaplasmo

Abbiamo già parlato di metaplasmo, ma lo riproponiamo per conoscere meglio la sua famiglia di figure retoriche: sistole e diastole, metatesi, tmesi. E fate attenzione agli accenti!
[…] Destò la luna i languidi sbadigli degli altri: a lei si riflettè su gli occhi umidi e lustri sotto i curvi cigli. Si scaldavano un poco ora i marmocchi a lei. L’ultimo, in terra, il capo ciondo- loni via via le urtava ai due ginocchi. […] Giovanni Pascoli, Gli emigranti nella luna, Canto II (1909)   Abbiamo già parlato del metaplasmo (qui) ma ci eravamo limitati ad alcune delle sue forme possibili. Oggi ne vediamo altre: quelle in cui, grazie a questi mutamenti fonetici, si può giocare con le parole cambiandone la forma o il modo in cui vengono pronunciate.  

Contrazioni del cuore, inversioni, tentazioni irresistibili, parole spaccate in due

Per esempio, sono metaplasmi due figure che hanno lo stesso nome dei movimenti di contrazione e dilatazione del cuore: la sistole e la diastole. Sistole e diastole hanno anche in retorica delle funzioni di contrazione e dilatazione: con la sistole, una vocale lunga diventa breve (così, per esempio, pièta diventa pietà); con la diastole, avviene il contrario – una vocale breve diventa lunga (c’è un esempio nel Canto VI del Paradiso, al verso 49: «Esso atterrò l’orgoglio de li Aràbi». A Dante serviva modificare l’accento per far rimare la parola Aràbi con “Fabi” e “labi”). Poi c’è la metatesi (e, visto che in questa figura gli accenti contano, fate un po’ di attenzione: qui è sulla “a”): la usiamo tantissimo nella vita quotidiana quando diciamo «Spengi la luce» al posto di «Spegni», o quando ci viene da dire areoplano, areoporto, al posto di aeroplano, aeroporto, o quando infine ci pare che «Il troppo stroppia»: bisognerebbe dire che storpia, ma l’assonanza e l’effetto allitterante tra “troppo” e “stroppia” sono delle tentazioni irresistibili. Infine c’è la tmesi: avviene quando prendiamo una parola e la spezziamo in due. Lo fa Pascoli nel poemetto che riportiamo sopra, quando va a capo tra il penultimo e ultimo verso spaccando la parola “ciondoloni”. A Pascoli, tra l’altro, la tmesi piaceva parecchio: la usa in Myricae, nella bellissima coppia di versi «Io mi trovo a piangere infinita-/mente con te» (Colloquio, II), e pure in Le armi, VII: «Suonano a onde le campane treme-/bonde sopra i villaggi e le città».   Crediti immagini Apertura:  Flickr Box: Pxhere
wing-sky-sun-sunset-fly-airport-629948-pxhere.com (1)

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento