Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

O tutto o niente. Climax e Anticlimax

Climax significa "scala" ed esattamente come una scala si comporta: è una figura retorica che ha lo scopo di enfatizzare un discorso o un brano, suggerirne un percorso, indirizzarne un obiettivo. L'anticlimax ha lo stesso obiettivo, ma con percorso inverso
leggi
Andare camminare lavorare andare a spada tratta, banda di timidi, d'incoscienti, di indebitati, di disperati niente scoramenti, andiamo, andiamo a lavorare andare camminare lavorare il vino contro il petrolio, grande vittoria, grande vittoria, grandissima vittoria andare camminare lavorare Piero Ciampi, Andare camminare lavorare, 1975 La bocca, e chioma e collo e fronte godi, Prima che quanto fu in età dorata, Oro, garofano, cristallo e giglio Non in troncata viola solo o argento, Ma si volga, con essi tu confusa, In terra, fumo, polvere, ombra, niente. Luis de Góngora, Finché i tuoi capelli emulo vano, 1582 (trad. it. di Giuseppe Ungaretti)  

Prima si sale…

Per aumentare l’intensità e dare enfasi a un discorso si scrive e si parla come si salgono le scale. La climax (parola che significa proprio “scala”) funziona così: a ogni parola, a ogni espressione si imprime un po’ più di forza al discorso, si scelgono vocaboli via via più intensi, come succede appunto quando si sale e ogni gradino della scala sta un po’ più in alto, si porta dietro un po’ più di enfasi del precedente. Uno legge Machiavelli e trova che l’Italia è: «sanza capo, sanza ordine, battuta, spogliata, lacera»; legge Leopardi, lo vede star male la sera del dì di festa, lo sente dire «e qui per terra/mi getto, e grido, e fremo» e la sua emozione – l’emozione di chi legge – cresce insieme alle parole: dopo ogni virgola c’è ad attenderlo qualcosa di più forte, o più terribile.  

…ma alla fine si arriva al niente

Ma le scale si possono anche scendere. Anzi, scendere è a volta la sola cosa da fare una volta che si è arrivati in cima. Così esiste anche il contrario della climax, la discesa dall’enfasi, lo sgonfiamento: è l’anticlimax. Anche qui si lavora sull’intensità del discorso, ma è un lavoro di segno opposto: si mira a togliere, a smorzare. Prendete l’ultimo verso della poesia di Góngora: il fumo è qualcosa che c’è, ma che è meno concreto della terra, la polvere è meno invasiva del fumo, permette per esempio di vedere e di respirare, l’ombra è qualcosa di immateriale – e dunque è meno “presente”della polvere –, il niente è niente. Ci sono, in quest’unico verso, la maturità, la vecchiaia e la morte di qualcuno: ve ne siete accorti? La giovinezza e la bellezza della donna protagonista di questo sonetto si trasformeranno prima o poi in terra, poi in qualcosa di meno intenso, e ancora e ancora: alla fine non rimarrà niente. Crediti immagini: Apertura: “Books” di shutterhacks, da flickr (Link) Box: "open wide", di Rising Damp, da flickr (Link)
22087628255_8bac0bc9cc_z

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento