Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Parlare per immagini

Arriva in libreria la “Chiave di scrittura”, edita da Zanichelli, che raccoglie i testi dedicati alle figure retoriche, pubblicati finora da Andrea Tarabbia in questa rubrica.

Sublime specchio di veraci detti, mostrami in corpo e in anima qual sono: capelli, or radi in fronte, e rossi pretti; lunga statura, e capo a terra prono;

sottil persona in su due stinchi schietti; bianca pelle, occhi azzurri, aspetto buono; giusto naso, bel labro, e denti eletti; pallido in volto, più che un re sul trono:

or duro, acerbo, ora pieghevol, mite; irato sempre, e non maligno mai; la mente e il cor meco in perpetua lite:

per lo più mesto, e talor lieto assai, or stimandomi Achille, ed or Tersite: uom, se' tu grande, o vil? Muori, e il saprai.

Vittorio Alfieri, 1786

  Vittorio Alfieri non sarebbe d’accordo: di fatto uso il suo sonetto CLXVII per giocare un po’, e per dire a chi legge che, nelle poche righe che seguono, parlerò di me. Non farò un autoritratto, però: dirò semplicemente di una cosa che ho fatto. Questa. Eh sì, perché dopo alcuni anni in cui, di mese in mese, ho giocato a presentare le figure retoriche in modi poco ortodossi, con l’editore abbiamo pensato che fosse arrivato il momento di raccogliere i testi e le suggestioni di questa rubrica, per ripensarli, riscriverli e presentarli in volume. Ne è nata una chiave di scrittura che mantiene lo spirito leggero e i toni divaganti degli interventi scritti fin qui, ma che fa anche qualcosa in più: li ordina, accorpandoli secondo certi vincoli di parentela tra le figure; queste figure, poi, le mette alla prova – vale a dire che, dopo averle spiegate e raccontate, prova a usarle, per vedere come funzionano nella pratica quotidiana. Insomma Parlare per immagini è nato, e sul sito di Zanichelli c’è una pagina che lo descrive e riporta la quarta di copertina.
Clicca qui per consultare la pagina "Parlare per immagini"
Dal prossimo numero, continueremo a raccontarvi le figure come abbiamo sempre fatto, ma, da oggi, c’è in libreria uno strumento in più. Crediti immagini Apertura: Pixabay Box: Zanichelli
417C+jsIvqL._SX323_BO1,204,203,200_
open-book-1428428_1280

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento