Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Dall'altra parte del cancello: follia, matto, normalità

Nel nuovo sentiero di parole, Francesca Dragotto esplora le origini del termine "follia", il suo sviluppo nella storia e il suo rapporto con il termine "normalità" alla luce delle opere di Alda Merini, Giorgio Gaber e Simone Cristicchi

leggi

Il termine "follia" ha attraversato tutta la storia linguistica (e non solo) italiana. Ha origine nel termine latino "follis", che stava a designare un pallone, cioè un contenitore chiuso pieno di aria. Nella storia linguistica italiana poi "follia" e "folle" vengono affiancati da termini come "matto" (con una ricca e varia famiglia lessicale) e "demente". Infine, il sentiero si conclude con una riflessione sul rapporto fra follia e normalità attraverso le canzoni e le parole di Giorgio Gaber, Simone Cristicchi e Alda Merini. 

Crediti immagine: Matteo Paciotti, flickr  

SDP_box_gennaio
sdp_banner_gennaio

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento