Europa Nobel per la pace (ott. 2012)

Tappe del percorso comune dell’Europa

Luciano Marisaldi

1951. 18 aprile: sei paesi (Germania, Francia, Italia, Belgio, Olanda e Lussemburgo) firmano il Trattato di Parigi che dà origine alla CECA (Comunità europea del carbone e dell’acciaio), primo passo verso il mercato comune europeo.

1957. 25 marzo: i sei paesi firmano i Trattati di Roma, che istituiscono la Comunità economica europea e la Comunità europea dell’energia atomica.

1979. Giugno: prime elezioni per il Parlamento europeo. Come presidente dell’assemblea viene eletta la francese Simone Weil, sopravvissuta ad Auschwitz.

1984. 22 settembre: a Verdun, i presidenti francese e tedesco, F. Mitterrand e H. Kohl, celebrano insieme il 68° anniversario della battaglia che nel 1916 provocò oltre 700.000 morti. L’immagine dei due presidenti che si tengono per mano diventa l’icona del rinnovato e definitivo desiderio di pace. (Vedi)

1989. 9 novembre: l’apertura del muro di Berlino segna la fine della guerra fredda in Europa e dà inizio a un lungo processo che porta alla riunificazione della Germania e al successivo ampliamento dell’Unione ai paesi dell’Europa orientale.

1992. Febbraio: Trattato di Maastricht e unione monetaria.

2002. Gennaio: l’euro comincia a circolare nei dodici paesi aderenti in forma di monete e banconote, sostituendo le valute dei singoli stati. Con l’allargamento progressivo dell’Unione europea fino agli attuali 27 stati, aumenta anche il numero dei paesi dell’euro, che diventano 17 nel 2009.

2007. 13 dicembre: firma del Trattato di Lisbona, che allarga le competenze del Parlamento europeo.