Dall’altra parte del cancello: follia, matto, normalità

Francesca Dragotto

Il termine “follia” ha attraversato tutta la storia linguistica (e non solo) italiana. Ha origine nel termine latino “follis”, che stava a designare un pallone, cioè un contenitore chiuso pieno di aria. Nella storia linguistica italiana poi “follia” e “folle” vengono affiancati da termini come “matto” (con una ricca e varia famiglia lessicale) e “demente”. Infine, il sentiero si conclude con una riflessione sul rapporto fra follia e normalità attraverso le canzoni e le parole di Giorgio Gaber, Simone Cristicchi e Alda Merini.

 

 

 

 

Crediti immagine: Matteo Paciotti, flickr

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *