Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Il lavoro, tra alienazione e realizzazione

Il lavoro nella società industriale consente una piena realizzazione individuale o al contrario porta a una inconsapevole prigione data dall'alienazione? Secondo Karl Marx il lavoro dell'operaio porta inevitabilmente all'alienazione che sarebbe stato eliminata soltanto dal passaggio dalla società borghese a quella comunista
leggi
Se nei sogni della popolazione dell'età medievale e moderna il lavoro era bandito come una forma di asservimento e fatica stremante, Marx riteneva invece che il lavoro fosse una delle espressioni più alte dell'uomo. Ma tutti i lavori? Non proprio e di certo non quello dei proletari delle fabbriche dell'Ottocento. Vediamo perché.  

L'attività dell'uomo e quella dell'animale

Secondo quanto Marx scrive nei Manoscritti economico-filosofici del 1844, il carattere specifico dell'uomo è la libera attività consapevole. Mentre un animale fa tutt'uno con la sua attività vitale, l'uomo, invece, è in grado di prendere la sua attività vitale in esame e farne l'oggetto della sua volontà. E per questo la sua attività è libera attività. Inoltre, un animale agisce per soddisfare alcuni bisogni, mentre l'uomo produce anche libero dal bisogno: anzi, “produce soltanto nella libertà dal medesimo” (Manoscritti economico filosofici, in Opere filosofiche giovanili, tr. e note di G. Della Volpe, Editori Riuniti, Roma 1950, p. 200). L'oggetto del suo lavoro è una oggettivazione dell'uomo ed egli sa creare oggetti secondo le leggi della bellezza.  

Il lavoro alienato

Questa situazione idilliaca è molto lontana dalla realtà del lavoro operaio: un lavoro, chiarisce Marx, alienato. Nel lavoro operaio, infatti, l'oggetto prodotto si presenta davanti a chi lo ha prodotto come un oggetto estraneo e una potenza indipendente. Quanto più l'operaio lavora sull'oggetto, tanto più perde a vantaggio di questo ente estraneo. In poche parole, mentre un artista immette in un'opera d'arte qualcosa di suo in un oggetto che resterà legato al suo nome, l'operaio che lavora su una merce alimenta il suo stesso nemico. Questo lavoro trasforma ciò che è tipico dell'uomo, l'attività, in un mezzo di pura sopravvivenza. Inoltre, all'estraniazione rispetto a se stesso segue l'estraniazione dell'uomo rispetto agli altri uomini e in particolare rispetto a chi possiede il prodotto del suo lavoro.  

Il lavoro nella società comunista

Quando Marx sviluppa la sua celebre analisi del lavoro alienato, rivolge la sua attenzione al mondo operaio che la Rivoluzione industriale sta generando. Pensando alla realtà del lavoro di fabbrica, ripetitivo, incapace di generare la benché minima soddisfazione, Marx concepisce l’idea dell’alienazione e allo stesso tempo della sua redenzione nella società comunista, dove il lavoro cesserà di essere uno strumento di mera sopravvivenza e diventerà l’attività in cui l’uomo si realizza. “Nella società borghese il lavoro vivo è soltanto un mezzo per aumentare il lavoro accumulato. Nella società comunista il lavoro accumulato è soltanto un mezzo per rendere più largo, più ricco, più progredito il ritmo di vita degli operai” (Manifesto del Partito Comunista, Editori riuniti, Roma 1974).  

Alienazione: verità o fantasia?

In che misura la tesi di Marx è condivisa da chi riflette sul lavoro? Di certo, il celebre industriale statunitense Henry Ford (1863-1947) non avrebbe potuto accettare le tesi di Marx. A suo avviso, chi si dedica a un lavoro noioso e ripetitivo è in realtà attratto da un lavoro in cui non deve usare il cervello e considerazioni come quelle di Marx non sono che chiacchiere da salotto (H. Ford, La mia vita e la mia opera, La salamandra, Milano 1980). Dalla sua prospettiva, l’alienazione non è un fenomeno autentico, ma il frutti della fervida fantasia di un intellettuale.  

La ripetizione del lavoro secondo Diderot

Forse, la tesi di Marx non sarebbe stata apprezzata nemmeno dal filosofo francese Denis Diderot (1713-1784), secondo il quale la routine presentasse un aspetto positivo. I lavoratori avrebbero raggiunto l’unità del braccio e della mente e una particolare serenità, che traspare di volti dei lavoranti di una cartiera riprodotti su un’incisione che accompagna l’Enciclopedie. Diderot visse qualche tempo decennio prima di Marx e le sue riflessioni di rivolgevano proprio a una realtà nuova, una cartiera dove giovani e adulti producevano carta.
Qui puoi vedere le incisioni della cartiera l’Anglée
 

L’alienazione nella scuola d Francoforte

Alle riflessioni di Diderot e Ford si contrappongono quelle della scuola di Francoforte, che attualizza il tema dell’alienazione nella società dei consumi. Secondo Herbert Marcuse (1898-1979), uno dei suoi esponenti nella società l’uomo non realizza se stesso, ma soggiace a regole e prassi stabilite da altri e che sono tipiche del mondo dell’industria. Anche se crede di essere libero, l’uomo è in realtà imprigionato in regole dalle quali non riesce a sfuggire. L’alienazione, quindi, da fenomeno limitato al lavoratore della fabbrica diventa la cifra (e il dramma) dell’intera società capitalista. Gli individui, imprigionati nella società capitalistica, sono incapaci di sottrarsi alle sue seduzioni (i beni materiali, la possibilità di muovere critiche inefficaci al sistema sociale) e solo ai giovani o alle minoranze o agli immigrati può toccare il compito di rivoluzionare la società.
Qui trovi un breve profilo della figura di Marcuse Clicca qui per un articolo su un come te lo spiego a firma di Beatrice Collinasulla Scuola di Francoforte (dall'Aula di Lettere di marzo 2016 sulle migrazioni)
A distanza di circa centocinquant’anni dalla loro formulazione le tesi di Marx appaiono per certi versi superate: non solo il comunismo non si è realizzato, ma lo stesso lavoro operaio ha cambiato volto. Eppure, la sua analisi continua a suscitare l’interrogativo se il lavoro nella società industriale sia una realizzazione individuale o una prigione di cui siamo inconsapevoli. Crediti immagini: Apertura: Una pubblicazione dell'Industrial Workers of the World del 1911 che sostiene l'unionismo industriale basato sulla critica al capitalismo, da Wikipedia Box: Karl Marx (Wikimedia Commons)
Pyramid_of_Capitalist_System
Karl_Marx_001

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento