Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Aprosdòketon, o della sorpresa

Di solito Andrea Tarabbia inizia i suoi interventi in questo blog con una poesia o poche righe di prosa per poi spiegare una figura retorica. Questa volta invece ha scelto un'azione di pochi secondi del grande calciatore argentino Lionel Messi, maestro di aprosdòketon
leggi

Poco prima di un gol

È il gol dell’1-0, in una gara che sarebbe poi finita 3-1 per il Barcellona: l’avversario è l’Arsenal, siamo nella partita di ritorno degli ottavi di finale della Champions League 2010/2011. All’andata, l’Arsenal ha vinto 2-1. Il primo tempo sta per finire quando Messi entra in area e “chiama” un passaggio filtrante a un compagno, Iniesta. Il pallone arriva e Messi si trova solo davanti al portiere. A questo punto ogni attaccante, nella frazione di secondo in cui è libero prima che il portiere e i difensori gli si facciano addosso, ha davanti a sé alcune soluzioni, ognuna delle quali è, in ordine crescente, la misura del suo talento:

  1. tirare fortissimo, senza guardare
  2. tirare mirando uno degli angoli della porta
  3. fare un pallonetto che scavalchi il portiere e vada dritto in porta
  4. scartare il portiere di lato e segnare a porta vuota

L’aprosdòketon di Leo Messi

Messi non fa nessuna delle quattro cose elencate qui sopra – ognuna delle quali, a suo modo, appartiene alla logica di questo sport ed è dunque prevedibile. Ne fa una quinta. Si sistema la palla e poi, con un tocco leggero, la lascia sospesa nell’aria, sul posto, non scavalcando il portiere ma aspettando che sia lui a passarvi sotto; poi si ferma: guarda il pallone e, senza lasciare che tocchi terra, segna.

Ogni sport ha le sue regole e le sue leggi, ma a renderlo grande sono le deviazioni dalla norma, gli imprevisti, i colpi di genio: l’aprosdòketon, ovvero l’elemento inatteso, imprevedibile, che stravolge il naturale corso degli eventi e porta la sorpresa, il colpo di scena in una situazione codificata (in questo caso, l’attaccante solo davanti al portiere).

C’è dunque una quinta soluzione per finire questa azione, ma è appunto una soluzione impossibile, impensabile da chi non è Messi:

5) segnare come Messi.

Immagine di apertura: "Lionel Messi", di Saadick Dhansay (via flickr)

Immagine per il box: "Lionel Messi", di Global Panorama (via flickr)

4796667631_fd03ff7ddf_b
15748884358_22681fe0dc_o

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento