Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Podcast
Chi siamo
Cerca
Interventi d'autore

Pro-spicere: intelligenza artificiale e giustizia predittiva

La giustizia predittiva si avvale dell’IA per cercare di prevenire i crimini prima che vengano commessi. Ma è davvero possibile, e giusto, che una persona venga punita per un fatto che non ha compiuto? Francesca Faenza analizza la questione in un video

leggi

Il termine “prospettiva” deriva dal latino pro-spicere, cioè guardare avanti, vedere lontano. Quello di vedere lontano, nel futuro, è anche lo scopo della cosiddetta giustizia predittiva, che si va diffondendo con l’avanzare dell’intelligenza artificiale nel mondo della giustizia.

Negli USA, gli algoritmi di giustizia predittiva vengono già usati nei tribunali, specialmente per valutare il rischio che una persona commetta, in futuro, nuovi reati (recidiva). 

La valutazione si basa su dati come il quartiere in cui vive, l’ambiente familiare, il reddito, il fatto che abbia o meno un lavoro stabile, il titolo di studio: insomma, su ciò che la persona è, e non tanto su ciò che ha fatto. Tanto è vero che, a parità di reato commesso, chi ha risulti avere un rischio alto può subire misure più restrittive di chi risulti averne uno basso. 

Ma è legittimo punire qualcuno in base a una valutazione probabilistica, sia pure estremamente raffinata, di ciò che potrebbe fare in futuro – ma che ancora non ha commesso? Qual è la posizione del sistema giuridico italiano di fronte alla giustizia predittiva? È compatibile con i principi e i valori disegnato della Costituzione?


Crediti immagine: pitinan / 123RF

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento