Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

AI4FUTURE: al MEET la mostra su intelligenza artificiale e mobilità

L’esposizione sarà aperta al pubblico dal 16 al 18 settembre

leggi

Sarà inaugurata venerdì 16 settembre negli spazi del MEET, il Centro Internazionale per l’Arte e la Cultura Digitale di Milano, l’esposizione di opere digitali “AI4FUTURE, dedicata al tema dell’intelligenza artificiale e mobilità.

Curata dall’organizzazione culturale Sineglossa e dal MEET Digital Culture Center, la mostra presenta i lavori realizzati da quattro artisti e artiste nel corso degli Urban Labs svolti all’interno del progetto europeo “Artificial Intelligence for Future”. Questi “laboratori urbani” avevano come obiettivo lo sviluppo di un progetto artistico che ruotasse intorno al tema della mobilità, intesa non solo come possibilità di spostamento, ma anche come relazione tra mondo fisico e virtuale, rapporto tra spazi pubblici e privati, mobilità sociale.  

I laboratori sono serviti come piattaforme di incontro e di lavoro collaborativo tra artisti e artiste e comunità locali, attraverso il coinvolgimento di gruppi di attivisti presenti sul territorio. Lo scopo di ogni lavoro era accrescere la consapevolezza attorno ai temi affrontati per immaginare dei modelli urbani alternativi in grado di rispondere alle esigenze della comunità. Ognuna delle quattro opere ha declinato in modo diverso il tema principale, ponendo l’accento su diversi aspetti di confine tra gli ambiti fisici, digitali, sociali e culturali.

Moving Forward di Nino Basilashvili ha come focus l’intelligenza artificiale e la mobilitazione comune nello spazio pubblico. Si tratta di un'installazione interattiva che analizza come viene utilizzata l’IA per il controllo e la sorveglianza della folla. Divide di Bernat Cuní esplora il diritto di accesso ad Internet analizzando le differenti percezioni dello spazio. Il laboratorio ha fatto emergere la contrapposizione tra una narrazione istituzionale, favorevole alla digitalizzazione diffusa, e una narrazione opposta che denuncia diversi livelli di accessibilità digitale, dovuta non solo ad analfabetismo informatico, ma anche a ragioni economiche.

Rosetta Mission 2022 di Luca Pozzi, progetto ispirato all'omonima missione spaziale dell'Agenzia Spaziale Europea, è un’opera digitale in 3D che trasforma un corpo celeste fisico in uno spazio di convergenza digitale per diverse discipline, arricchito dai contributi di attivisti, artisti, filosofi e scienziati. L’opera Being a Cat, Being a Fish, Being a Dog di Chunju Yu è dedicata, invece, al tema dell’IA e diseguaglianza di genere. Diviso in tre parti, il progetto utilizza in modo satirico il linguaggio pornografico per affrontare la questione dello sfruttamento sessuale e dello sguardo maschile nell'industria del porno.

L’esposizione sarà introdotta da un talk che si terrà venerdì 16 alle ore 18.30 e vedrà la partecipazione di Stefano Quintarelli, Piergiorgio Monaci e Federico Bomba. Gli orari di apertura saranno i seguenti: venerdì 16 dalle 18.30 alle 21; sabato 17 dalle 15 alle 19; domenica 18 dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 19. L’ingresso è gratuito mai consiglia la prenotazione a questo link https://www.eventbrite.it/e/registrazione-ai4future-showcase.

Crediti immagini
Homepage: Banner della mostra (Comunicato stampa)
Apertura: Luca Pozzi, Rosetta Mission 2022 (Comunicato stampa)