Aula di Lettere

Aula di Lettere

Percorsi nel mondo umanistico

Sezioni
Accad(d)e che
Come te lo spiego
Interventi d'autore
Il passato ci parla
Sentieri di parole
Nuovo Cinema Paini
Storia di oggi
Le figure retoriche
Gli antichi e noi
Idee didattiche digitali
Le parole dei media
Come si parla
Dall'archivio
Tutti i temi del mese
Materie
Italiano
Lettere classiche
Storia e Geografia
Filosofia
Storia dell'arte
Scienze umane
Chi siamo
Cerca

Voto, religione, politica

"Voto" è un termine dapprima inteso in senso religioso ma poi la lingua italiana lo associa più nettamente all'ambito politico ed elettorale. Qual è il punto d'unione fra i due significati?
leggi
In principio espressione di una promessa formulata per poter ricevere aiuto nella soluzione di un problema, “voto” nel corso della storia linguistica italiana si carica di una accezione legata all’espressione di preferenza per qualcosa o qualcuno. Tanto che nell’italiano di uso di oggi, pur mantenendosi in uso anche in riferimento alla sfera della religione e della religiosità, ricorre con frequenza maggiore per riferirsi all'ambito politico ed elettorale. Andiamo a vedere più da vicino la storia del termine "voto" e i punti di contatto fra le due aree di significato a cui "voto" si riferisce. (Crediti immagine: Niccolò Caranti, flickr)
sentieri_banner
sentieri_box

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento