Dante a Verona

Redazione

A Verona a partire da dicembre sono iniziate le celebrazioni per il 700esimo anniversario della morte di Dante, che continueranno per tutto il 2021.

Nel programma “Dante a Verona 1321-2021” trova ampio spazio l’arte, con la mostra diffusa nella quale la città non solo fa da sfondo alla vicenda dantesca, ma ne diventa protagonista. I visitatori sono guidati attraverso il percorso e le tappe della mostra tramite una mappa, che permette di scoprire sia i luoghi legati alla presenza del poeta in città e alle citazioni nella Commedia, sia quelli che aiutano a restituire l’immagine di Verona al tempo di Dante. Sono presenti anche indicazioni per rintracciare le memorie della secolare presenza dei discendenti del poeta in città e per individuare le testimonianze del crescere del suo mito nel tempo, importante riferimento per l’identità civica e nazionale. Tra i luoghi principali vi sono Sant’Elena, i palazzi scaligeri affacciati su piazza dei Signori, le Arche scaligere, le chiese di San Zeno, San Fermo e Santa Anastasia.

Il 19 e il 20 dicembre è stata trasmessa la docu-fiction “La Verona di Dante”, nella quale la giornalista Francesca Barra guida gli spettatori attraverso i luoghi danteschi e Claudio Santamaria recita alcuni dei versi che hanno legato il Sommo Poeta alla città scaligera.

Per vedere il video sul canale YouTube del Comune di Verona clicca qui

 

 “Dante’s Box – Voci e suoni dalla Divina Commedia” si propone come un jukebox con 21 puntate radiofoniche in pillole da 15/20 minuti tratte dalle tre cantiche. Canti noti e meno noti sono interpretati cercando di restituire la musicalità del verso,  accompagnati da atmosfere elettroniche, rumori di fondo ed effetti acustici. L’ambientazione è curata dal regista Fabrizio Arcuri, mentre la musica e l’ambientazione sonora sono ad opera di Giulio Ragno Favero.

I podcast vengono pubblicati ogni mercoledì e venerdì dal 18 dicembre su www.rocketradiolive.com, sui canali social del Comune di Verona e dell’Altro Teatro (qui e qui), sui canali Spreaker (qui)  e Spotify (qui) di Arteven e sul sito myarteven.it.

 

Tra il 17 e il 22 maggio si svolgerà il convegno internazionale  “Con altra voce omai, con altro vello. Dante fra antico e moderno”. L’incontro ha lo scopo di indagare il contesto storico culturale dell’epoca di Dante e la ricezione dell’opera, con particolare riferimento al teatro e al cinema.

 

Per consultare il sito del programma “Dante a Verona 1321-2021” clicca qui

 

Crediti immagini
Apertura: danteaverona.it
Box: comune.verona.it

 

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *